Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Voucher Inps come funziona: guida all’utilizzo

Voucher Inps come funziona? Informarsi sulle peculiarità del lavoro accessorio e sulle modalità di pagamento è fondamentale sia per i committenti, sia per i prestatori di lavoro a cui viene proposta questa alternativa.

Voucher Inps: ecco cosa sono

Prima di entrare nel vivo di voucher Inps come funziona è necessario capire di cosa si sta parlando. I voucher Inps sono delle modalità di pagamento del lavoro accessorio, ossia di tutte quelle prestazioni che vengono svolte al di fuori di un ordinario contratto di lavoro quindi, di conseguenza, in un lasso di tempo discontinuo.

Quali sono i vantaggi del voucher Inps

Per capire voucher Inps come funziona è necessario entrare nel dettaglio dei vantaggi. Quali sono? Per il committente è prima di tutto fondamentale ricordare il fatto che i pagamenti in voucher non necessitano della redazione di un contratto di lavoro, e che i prestatori, durante il periodo in cui esercitano l’attività professionale, sono coperti dall’assicurazione Inail.

I vantaggi dei voucher Inps per il prestatore di lavoro riguardano innanzitutto il fatto che la prestazione in questione risulta esente da imposizioni di natura fiscale, e che il reddito maturato è valido a fini pensionistici.

Voucher Inps 2016: informazioni tecniche fondamentali

Per entrare ulteriormente nel vivo di voucher Inps come funziona è necessario ricordare che la copertura previdenziale Inps e quella assicurativa Inail sono garantite nella misurea di una cifra limite per ogni anno solare. A quanto corrisponde la suddetta somma? A 5.060€ netti, il che significa che si parla di 6.746 lordi.

Ogni singolo buono lavoro ha un valore di 10€. Tale somma comprende il versamento contributivo in favore della gestione separata Inps, il contributo assicurativo per l’Inail (7%) e una parte a titolo di compenso per l’Inps per la gestione dell’intero servizio.

Il valore netto del singolo buono – ossia la cifra che alla fine della prestazione occasionale rimane al prestatore – è pari a 7,50€.

I 10€ di valore lordo del voucher corrispondono al pagamento di un’ora di prestazione lavorativa (parametro valido per tutti i settori tranne che per quello agricolo, dove è necessario considerare le peculiarità di ogni singolo contratto).

Voucher Inps: quando è possibile utilizzarli?

Informarsi su voucher Inps come funziona implica anche il fatto di chiarire le idee sui settori di lavoro e sulle tipologie di aziende che possono utilizzarli. I buoni lavoro possono essere utilizzati in tutti i settori professionali e in tutte le tipologie di azienda. Il settore agricolo non consente il ricorso ai voucher Inps, fatta eccezione per i seguenti casi:

  • Aziende agricole con un volume di affari superiore a 7.000€, che possono impiegare per il lavoro accessorio pensionati o giovani di età inferiore ai 25 anni regolarmente iscritti a un corso universitario o a qualsiasi altro iter di formazione scolastica (il lavoro deve essere svolto compatibilmente con gli impegni legati allo studio).
  • Azienda agricole con un volume di affari inferiore ai 7.000€: in questo caso le aziende hanno la possibilità di impiegare nel lavoro accessorio qualsiasi soggetto a prescindere dall’età e dalla frequentazione di un percorso di formazione universitaria o scolastica. L’unico requisito vincolante è il fatto di non risultare iscritto nell’anno precedente agli elenchi anagrafici dei lavoratori agricoli.