Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Ultimi aggiornamenti sul rendimento buoni fruttiferi postali

Ultimi aggiornamenti sul rendimento buoni fruttiferi postali. Malgrado gli effetti sempre più evidenti della crisi economica, cresce il numero di risparmiatori che scelgono di utilizzare pratiche di investimento. Una delle proposte più interessanti e apprezzate dal pubblico è rappresentata dai Buoni fruttiferi postali. Cerchiamo allora di approfondire i limiti e i vantaggi del rendimento Buoni fruttiferi postali riportando gli interessi aggiornati al mese di aprile.

Per quanto attiene i Buoni fruttiferi postali Renditalia 2014, il profitto potenziale è variabile e dunque correlato al rendimento medio ponderato del Bot con scadenza a sei mesi. I Buoni fruttiferi postali a 18 mesi hanno invece una durata strutturata su tre trimestri, con interessi conseguibili al termine di ogni trimestre. Alla fine del primo trimestre e del secondo sarà maturato lo 0,25%, mentre con la conclusione del terzo avremo un rendimento dello 0,42%.

Anche per i buoni fruttiferi postali 2014 BFP 3×4, la cui durata massima non può superare i 12 anni, abbiamo avuto un aggiornamento dei tassi di interesse. Fino al terzo anno avremo l’1,00%, 4° al 6° con l’1,80%, dal 6° al 9° col 2,60% e dal 9° fino alla conclusione con il 2,81%.

I Buoni Fruttiferi Postali 2014 BFPEuropa presentano una possibilità di sviluppo del capitale, con una durata massima di quattro anni e garantiscono l’opportunità di ottenere i premi annuali, mentre i BFPImpresa presentano rendimenti variabili che variano dallo 0,25% del primo bimestre all’1,50% del decimo.