Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti per cattivi pagatori: tutte le informazioni utili

Purtroppo a causa della grave crisi economica che ha messo in ginocchio l’intero Paese, molte famiglie che avevano richiesto dei prestiti si sono viste costrette a non versare le quote mensili, i così detti cattivi pagatori tanto da essere inclusi in una sorta di black list, ovvero i creditori che non hanno provveduto a versare due o più rate di un precedente prestito, a prescindere dalla motivazione che ha impedito il pagamento di una rata mensile il creditore verrà  comunque segnalato in una black list.

Da oggi però anche i cattivi pagatori avranno la possibilità di usufruire ancora di prestiti, purtroppo laddove si venga riconosciuti come cattivi pagatori sarà difficile trovare un istituto di credito che ci conceda un prestito, anche se esistono due possibilità per i cattivi pagatori, regolarizzare qualora fosse possibile la propria posizione con l’istituto di credito ottenendo la cancellazione dalla centrale rischi, o ottenere i prestiti per cattivi pagatori.

I prestiti per cattivi pagatori possono essere concessi solamente ai lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato, e sarà disponibile in due modalità o attraverso la cessione del quinto con una trattenuta del 20% sullo stipendio del soggetto che lo richiede, o il prestito delega con una trattenuta del 40% sul totale della retribuzione.

I prestiti però dovranno essere estinti non oltre i 10 anni, per tutti i lavoratori autonomi invece potranno presentarsi innumerevoli difficoltà per accedere alle linee di credito predisposte per tutti coloro i quali hanno avuto difficoltà ad essere regolari nei pagamenti mensili versati all’istituto di credito dove è stato richiesto un prestito.