Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Sospensione mutuo casa: come funziona e quando ottenerla

Accendere un mutuo significa fare un investimento impegnativo. Può però capitare d’incontrare delle difficoltà nel pagamento delle rate, motivo per cui è utile chiedere la sospensione mutuo casa.

Sospensione mutuo 2016: le basi normative

La sospensione mutuo casa è un’opzione messa a disposizione dei mutuatari in seguito al varo della Legge di Stabilità 2015. L’opzione di sospensione delle rate del mutuo può essere richiesta fino al 31 dicembre 2017 e la banca ha l’obbligo di fornire una risposta entro 20 giorni dall’invio dell’istanza, ovviamente dopo aver verificato lo stato finanziario del cliente.

Sospensione rate mutuo casa: i requisiti

Informarsi sulla sospensione mutuo casa significa avere le idee chiare sui requisiti. Quali sono? Prima di tutto il fatto che la sospensione delle rate del mutuo della casa può essere richiesta solo in caso di piano di ammortamento finalizzato all’acquisto della prima casa d’abitazione.

Questo significa che non è possibile sospendere le rate del mutuo in caso di difficoltà economica e di piano di ammortamento finalizzato all’acquisto di un’abitazione diversa da quella registrata come principale.

Sospensione mutuo: altre informazioni tecniche

La sospensione mutuo casa può essere richiesta solo per quanto riguarda la quota capitale. Questo implica che il mutuatario ha l’obbligo di corrispondere la quota interessi. Una volta terminato il periodo di sospensione è tenuto a riprendere il pagamento della rata intera.

Risulta chiaro che l’effetto principale della sospensione della quota capitale della rata del mutuo è l’allungamento della durata del piano di ammortamento, che viene aumentata in maniera proporzionale al periodo di sospensione.

La richiesta della sospensione della quota capitale delle rate del mutuo per l’acquisto della prima casa può essere richiesta in presenza di particolari requisiti di natura lavorativa. Ecco quali.

Sospensione rate mutuo prima casa: i requisiti lavorativi

Risulta possibile chiedere la sospensione mutuo casa in circostanze particolari legate alla condizione lavorativa. Possono infatti richiedere la sospensione della quota capitale delle rate del mutuo per l’acquisto della prima casa coloro che hanno perso l’impiego nei 24 mesi immediatamente precedenti l’invio della domanda, o che siano stati interessati da una riduzione dell’orario di lavoro o da una sospensione dell’attività per un periodo superiore ai 30 giorni.

Il requisito generale fondamentale mette al centro uno stato di effettiva difficoltà economica per cause indipendenti dalla volontà del cliente. La richiesta di sospensione temporanea della quota capitale delle rate del mutuo può essere quindi richiesta anche in caso di cassa integrazione o mobilità, situazioni che è necessario documentare in maniera dettagliata.

Anche l’infortunio grave e la morte del titolare del contratto – caso che comporta difficoltà finanziarie per la famiglia – possono essere considerati dei requisiti di accesso all’opzione di sospensione temporanea delle rate del mutuo.

Nel corso del ciclo di vita di un finanziamento è possibile ottenere la sospensione delle rate per massimo 12 mesi.