Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Social card Inps per disoccupati: procedure e requisiti

Cos’è la social card Inps 2015 straordinaria?

La social card straordinaria per disoccupati è una prestazione di sostegno al reddito fornito dall’Inps che prevede l’erogazione di un aiuto economico di 400 euro al mese. Come stabilito dalla Legge di Stabilità, il beneficio spetta esclusivamente ai soggetti disoccupati in possesso di determinati requisiti. Le famiglie a basso reddito, con persone over 65, e i nuclei familiari con bambini sotto i 3 anni hanno invece diritto alla social card ordinaria.

Ma come funziona la social card Inps? Come richiederla? La Social card straordinaria disoccupati Inps è una carta acquisti sulla quale viene accreditato, con cadenza mensile, un importo che può variare da 231 a 400 euro al mese. L’importo versato nella carta varia in base al numero dei componenti del nucleo familiare. Per richiedere il beneficio, gli aventi diritto in possesso dei requisiti possono presentare la domanda, corredata su un apposito modulo, presso un qualunque sportello di Poste Italiane.

Come richiedere la social card straordinaria Inps?

A differenza della social card Inps ordinaria, quella per disoccupati parte da un progetto avviato in via sperimentale nel 2013, in 12 città italiane. La carta può essere utilizzata per fare acquisiti in negozi convenzionati, pagare bollette di luce e gas ecc.

La domanda corredata di tutta la documentazione viene presentata presso l’Ufficio Postale, che si occupa poi di inviarla al Comune. Una commissione comunale si occuperà di stabilire se ci sono i requisiti necessari per concedere il beneficio e in caso di esito positivo, di spedire la carta acquisti al richiedente e autorizzare l’accredito mensile da parte dell’Inps.

Social card Inps requisiti per ottenere la prestazione

Il soggetto richiedete deve essere cittadino italiano, comunitario, o extracomunitario con permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo. Possono accedere alla prestazione anche i rifugiati politici e i soggetti titolari di protezione sussidiaria, residenti nel Comune in cui presentano la domanda da almeno 12 mesi.

Il disoccupato deve inoltre risultare residente in uno dei Comuni in cui è partita la sperimentazione della social card straordinaria, ovvero in un comune delle otto Regioni del sud Italia (Sardegna, Sicilia, Calabria, Basilicata, Puglia, Abruzzo e Molise, Campania). Hanno diritto alla social card anche i disoccupati residenti nelle 12 città in cui il programma è già attivo dal 2013: Milano, Genova, Bologna, Venezia, Verona, Torino, Firenze, Roma, Bari, Napoli, Catania, Palermo.

Per ottenere il beneficio è necessario che chi fa richiesta della social card Inps per disoccupati abbia un reddito Isee pari o inferiore a 3.000 euro e un patrimonio mobiliare inferiore a 8.000 euro. Nel caso in cui il richiedente risulti titolare di un’indennità di natura previdenziale o assistenziale, l’ammontare complessivo delle prestazioni deve essere inferiore ai 600 euro al mese.

Il richiedente non deve essere proprietario di un autoveicolo immatricolato nei 12 mesi precedenti, e l’auto di sua proprietà non deve avere una cilindrata superiore a 1300cc. Per quanto riguarda le moto, il disoccupato che richiedere la social card non deve possedere motoveicoli di cilindrata superiore a 250cc immatricolati negli ultimi 36 mesi, pena l’esclusione dal beneficio.

Social card Inps 2015: condizioni d’accesso per il nucleo familiare del richiedente

Nel caso in cui il richiedente risultasse proprietario di un immobile ad uso abitativo, utilizzato come prima abitazione. Il valore dell’unità immobiliare in questione ai fini Ici/IMU deve essere inferiore a 30.000 euro. Ricordiamo inoltre che è necessario rispettare determinati requisiti relativi alla condizione economica del nucleo familiare del richiedente. È possibile infatti ottenere la prestazione se il nucleo familiare è composto da soggetti in età attiva (15-66 anni), di cui almeno uno abbia perso il lavoro negli ultimi 36 mesi.

In alternativa possono accedere alla prestazione i nuclei familiari in cui almeno un componente abbia un reddito da lavoro dipendente o da tipologie contrattuali flessibili. Tali nuclei familiari devono avere un reddito complessivo, percepito negli ultimi 6 mesi, inferiore ai 4.000 euro. In ogni caso per ottenere la social card Inps per disoccuapti, nel nucleo familiare del richiedente deve essere presente almeno un minorenne fiscalmente a carico.