Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Simulazione prestito Inps cessione del quinto: come usare i servizi online

L’interesse suscitato dalla simulazione prestito Inps cessione del quinto è deciso dalla sua utilità. In molti però ancora ignorano le operazioni che portano all’esecuzione del calcolo online, per questa ragione abbiamo deciso di presentarle in una forma sintetica ma completa.

Calcolo prestiti Inps ex Inpdap online: simulazione piano di ammortamento

Usando la simulazione prestito Inps cessione del quinto è possibile elaborare piani di ammortamento personalizzati che illustrano l’incidenza mensile del finanziamento.

Il calcolo avviene online e l’utente non deve eseguire operazioni particolarmente complesse. Una volta aperto il browser, potrà scegliere se digitare l’indirizzo del sito web Inps (https://www.inps.it/) oppure ricercarlo mediante l’impiego di un motore di ricerca.

Così facendo avrà raggiunto la pagina principale, all’interno della quale dovrà compiere un click su “Tutti i servizi”. Sono così prospettate tutte le opzioni di cui dispone il portale, un elenco piuttosto esteso.

Il servizio attinente alla simulazione prestito Inps cessione del quinto può essere ricercato mediante i filtri oppure semplicemente passando in rassegna le funzioni. Il nome del servizio è Gestione dipendenti pubblici: simulazione calcolo piccoli prestiti e prestiti pluriennali.

Il calcolo è strutturato rispetto a tre opzioni, in ogni caso l’utente deve inserire i dati per compiere l’elaborazione del piano di ammortamento. Il risultato del calcolo è una tabella in cui sono riepilogati i dati relativi al Piccolo prestito e al Prestito pluriennale diretto.

Prestito pluriennale diretto Inpdap e Piccolo prestito: i tassi di interesse 2019

Il Piccolo prestito e il Prestito pluriennale diretto sono finanziamenti ex Inpdap, gestiti attualmente dall’Istituto nazionale della previdenza sociale.

Sono contraddistinti da differenti aspetti contrattuali, come ad esempio il tasso di interesse. Per il Piccolo prestito il Regolamento dell’Istituto dispone un TAN fisso del 4,25%, mentre il Pluriennale diretto è associato al 3,50% fisso.

Anche sul fronte della durata del rimborso ci sono diverse opzioni. Il Pluriennale diretto ha due varianti di rimborso, ovvero cinque o dieci anni, mentre il Piccolo prestito ha piani di ammortamento che vanno da 12 a 48 mesi.