Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Simulazione prestito Inps 2019, le informazioni per il calcolo online

Cosa si deve fare per compiere la simulazione prestito Inps 2019? Quest’attività è da ricondurre ai servizi che sono accessibili grazie al portale www.inps.it. Consideriamo la funzione in termini pratici.

Calcolo prestiti Inpdap online: le risorse per realizzare la simulazione

La fruizione della simulazione prestito Inps 2019 va ricondotta alle funzioni che sono state implementate da parte dell’Istituto nazionale della previdenza sociale nel suo sito ufficiale.

Qualunque utente può, in pochi istanti, eseguire il calcolo. Ciò che deve fare è recarsi nella pagina “Prestazioni e servizi” (https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?iPrestazioni=94) e quindi avviare la funzione che prende il nome di Gestione dipendenti pubblici: simulazione calcolo piccoli prestiti e prestiti pluriennali.

Un altro click su quest’ultima conduce all’effettivo servizio di simulazione prestito Inps 2019, il quale è composto da tre modalità di computo dei piani di ammortamento. Quelli che sono conteggiati sono i due finanziamenti che vengono gestiti completamente dall’Inps.

Ci stiamo riferendo al Piccolo prestito e al Prestito pluriennale diretto, due linee di credito note come prestiti ex Inpdap. Costituiscono una prerogativa destinata a dipendenti pubblici e pensionati iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Grazie all’elaborazione del rimborso, l’utente può comprendere concretamente il valore del finanziamento di suo interesse ed eventualmente considerare delle alternative.

Tassi prestiti Inpdap Inps 2019 e assistenza per gli iscritti

L’Inps ha sostituito, ormai da diversi anni, l’Inpdap e per questa ragione s’occupa delle proposte di accesso al credito ex Inpdap, i finanziamenti per gli iscritti alla Gestione unitaria.

Il Piccolo prestito è la risorsa per affrontare inconvenienti economici, mentre il Prestito pluriennale diretto riguarda esclusivamente gli impieghi indicati nel Regolamento approntato dall’ente previdenziale.

Al Piccolo prestito è abbinato un tasso di interesse fisso del 4,25%. Con il Pluriennale invece il tasso s’abbassa, scendendo al 3,50%. Questo tiene conto dei differenti periodi di rimborso.

Si parte dai 12 fino a un massimo di 48 mesi per quanto riguarda il Piccolo prestito. Ci sono le varianti da cinque e dieci anni in merito al Pluriennale. A supporto dei suoi iscritti, l’Istituto ha disposto un servizio di assistenza: il Contact center che può essere usato sfruttando i numeri 803 164 e 06 164 164.