Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Quali sono i tempi di erogazione piccolo prestito Inpdap?

Quali sono i tempi di erogazione piccolo prestito Inpdap? Il piccolo prestito permette di conseguire una somma utile ad affrontare spese improvvise e urgenti. Una linea di credito pensata per gli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.
Il credito è offerto in relazione alle disponibilità di bilancio previste a livello annuale.

Chi può conseguire il piccolo prestito? Si tratta di un prodotto ideale per dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Il periodo di rimborso può essere strutturato in 12, 24, 36 o 48 rate, formate da una quota interessi e una quota capitale.

Come ottenere il piccolo prestito? Per gli iscritti in attività di servizio, le domande, che devono essere redatte sugli appositi modelli erogati dall’Istituto sul suo portale Web ufficiale, vanno presentate attraverso l’Amministrazione di appartenenza, la quale si occuperà di inviarle in via telematizzata. Per gli iscritti pensionati, le domande vanno presentate esclusivamente in via telematizzata.

Non è necessaria comunque alcuna documentazione di spesa, né motivazioni, né presentare un certificato medico. Ma passiamo ai tempi di erogazione piccolo prestito Inpdap. I tempi di erogazione subiscono importanti modifiche, a seconda che il prestito sia richiesto in modo diretto all’Inpdap oppure a un istituto di credito convenzionato, e in base alla tipologia di prestito richiesto.

Vi sono frequentemente delle variazioni sui tempi di erogazione anche sulla scorta dell’amministrazione territoriale presso la quale si invia la richiesta. Le somme fornite dipendono, in ogni caso, dalle possibilità che caratterizzano il fondo crediti Inpdap.