Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Ecco tutti i vantaggi del Prestito pluriennale Inps per ristrutturazione

Hai presente quando vuoi realizzare un progetto importante ma non hai a disposizione il denaro per portarlo a termine? Per opere di ristrutturazione della prima casa, il finanziamento alternativo al sistema bancario che propone tassi competitivi e piani di rimborso di 10 anni è il Prestito pluriennale Inps per ristrutturazione. Chi può ottenerlo, quali sono TAN, spese e finalità? Qui trovi una risposta a questa e altre domande.

Quinquennale o decennale? Durata e requisiti, il Regolamento Prestiti pluriennali Inps

L’Istituto nazionale della previdenza sociale (Inps) fornisce delle particolari opportunità di accesso al credito ai suoi iscritti. In particolare, il Prestito pluriennale Inps per ristrutturare è rivolto a dipendenti pubblici e pensionati iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

È una proposta che non interessa esclusivamente l’opera di ristrutturazione, il Prestito pluriennale diretto prevede numerose finalità, tra cui appunto “manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia della casa in proprietà o nuda proprietà”.

In questa eventualità il piano di rimborso è pari a 10 anni, ovvero 120 rate mensili. Sono ammessi anche altri utilizzi personali e familiari, come ad esempio acquisto dell’automobile, trasloco, manutenzione dell’abitazione, nascita figli, acquisto o costruzione dell’abitazione, riscatto alloggi popolari. A seconda della finalità, la durata del finanziamento può essere pari a 5 o 10 anni.

Tasso di interesse 2020 e spese: cessione del quinto Inps

Attenzione al tasso di interesse. Il Prestito pluriennale Inps per ristrutturazione ti offre un TAN pari al 3,5%, cui devono aggiungersi costi attinenti agli aspetti amministrativi per lo 0,5%, nonché il premio per i rischi correlati al finanziamento.

Il Regolamento stabilisce che la rata del piano di ammortamento non superi 1/5 di stipendio o pensione. Per questa ragione si parla spesso di cessione del quinto Inps ex Inpdap. La somma massima lorda per interventi di ristrutturazione corrisponde a 100.000 euro.

Guida sintetica per compiere la simulazione del Prestito pluriennale Inps

Come valutare, rispetto alle proprie esigenze, i vantaggi presentati dal Prestito pluriennale Inps per ristrutturazione? L’Istituto fornisce un pratico strumento per elaborare un piano di ammortamento personalizzato. Stiamo parlando della simulazione Prestito pluriennale Inps.

Ti servono pochi istanti per appurare le caratteristiche del rimborso:

  • Nella homepage del portale Inps (www.inps.it) fai click su “Prestazioni e servizi”.
  • Dal menu a tendina fai click su “Tutti i servizi”.
  • Nel campo “testo libero” digita “simulazione” e tra i risultati clicca su “Gestione dipendenti pubblici: simulazione calcolo piccoli prestiti e prestiti pluriennali”.

A questo punto non resta che inserire i dati utili per la simulazione, come ad esempio la rata, l’importo, eccetera.