Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestito pluriennale diretto Inpdap: cos’è e come funziona

Prestito pluriennale diretto Inpdap: di cosa si tratta

Il Prestito pluriennale diretto Inpdap è un finanziamento basato sulla cessione del quinto e permette di ottenere liquidità a tassi agevolati a dipendenti e pensionati pubblici afferenti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Può essere ottenuto a condizione che il richiedente presenti esigenze compatibili con quanto disposto dal Regolamento Inps, che indica in dettaglio tutte le finalità ammesse: dalla manutenzione ordinaria all’acquisto della prima casa, passando per acquisto auto e installazione di impianti di energia rinnovabile, solo per citarne alcuni.

Prestiti Inps su cessione del quinto

È un prodotto basato su cessione del quinto. Ciò significa che la rata non può eccedere 1/5 di stipendio o pensione. Il piano di ammortamento ha una durata quinquennale oppure decennale (60 o 120 rate) e prevede la decurtazione in automatico della rata. Una modalità di rimborso molto pratica per chi non vuole perdere tempo con Mav e bollettini.

Requisiti prestiti pluriennali Inpdap

Per ricevere il Prestito pluriennale diretto Inpdap è preferibile disporre di un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Se invece il lavoro è a tempo determinato, il contratto (non inferiore a tre anni) deve essere attivo durante tutto il periodo di rimborso del finanziamento. Rimborso che scatta dal secondo mese successivo quello di erogazione.

Tra i requisiti troviamo quattro anni di anzianità di servizio e altrettanti di contributi corrisposti alla Gestione unitaria.

Passiamo all’aspetto chiave per ogni finanziamento: il tasso di interesse. Il Prestito pluriennale diretto Inpdap prevede l’applicazione di un Tan pari al 3,50%, ma a questo vanno aggiunte spese di amministrazione (0,50%) e premio fondo rischi.

La richiesta di finanziamento deve essere inoltrata in forma telematizzata, sfruttando la funzione “Domande web Prestiti Pluriennali” del portale ufficiale Inps (inps.it).

Altri prestiti Inpdap Inps

Vi ricordiamo inoltre che dipendenti e pensionati pubblici afferenti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali possono godere di altre di linee di credito a tasso agevolato. Tra queste troviamo il Piccolo prestito, che permette di conseguire liquidità senza vincoli di spesa (non vanno fornite motivazioni o documentazioni di spesa).

Se invece il vostro obiettivo è l’acquisto, la ristrutturazione o la costruzione dell’abitazione principale, la soluzione più conveniente è costituita dai Mutui Inps ex Inpdap. È applicato un tasso fisso del 2,95% oppure un tasso variabile corrispondente all’Euribor a 6 mesi maggiorato di 200 punti base. Il beneficiario può ricevere fino a 300mila euro.