Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Condizioni del prestito Pitagora: cessione del quinto e delega di pagamento

Prestiti personali Pitagora: cessione del quinto e delega di pagamento

La società finanziaria Pitagora Spaoffre prestiti su cessione del quinto a dipendenti e pensionati pubblici. Prodotti che permettono di ottenere somme fino a un massimo di 60 mila euro, da rimborsare nel giro di 10 anni. La restituzione del prestito Pitagora su cessione del quinto avviene con un piano di ammortamento a rate mensili, detratte direttamente dalla busta paga o dalla pensione del beneficiario.

I prestiti su cessione del quinto sono infatti caratterizzati da un rimborso diverso da quello previsto per i normali prestiti personali. Nello specifico, il pagamento della rata periodica avviene ad opera del datore di lavoro del beneficiario, dell’ente previdenziale se il cliente è pensionato.

Il datore di lavoro, detrae dalla busta paga del soggetto la somma corrispondente alla rata mensile del prestito, e la versa alla banca mutuante. In questo modo, l’istituto bancario è garantito dalla presenza di un reddito fissoe il beneficiario del prestito non deve preoccuparsi di rispettare le varie scadenze.

Per quanto attiene all’importo della rata periodica, come suggerisce il nome, la cessione del quinto prevede una rata pari al massimo al 20% dello stipendio mensile. La normativa vigente stabilisce inoltre la presenza di una polizza obbligatoria che intervenga contro il rischio vita e il rischio impiego. Le spese assicurative sono a carico di Pitagora.

Ricordiamo che i prestiti su cessione del quinto possono essere richiesti anche da chi ha altri prestiti in corso. Lo stesso vale per quanti sono segnalati come cattivi pagatorinei database CRIF.

Condizioni dei prestiti Pitagora su cessione del quinto

Ma quali sono le condizioni applicate al prestito Pitagora su cessione del quinto? A fronte di un prestito da 17950 eurorichiesto da una lavoratrice di 35 anni, con 10 anni di anzianità di servizio presso un’azienda pubblica, abbiamo una rata mensile pari a 195 euro. Il rimborso si estende per 120 mensilità (10 anni) e il tasso di interesse (Tan) è fisso al 5,45%. Il Taeg è al 5,66%.

Come funziona il prestito delega

Oltre alla cessione del quinto, i lavoratori dipendenti che hanno bisogno di liquidità possono ricorrere alla delega di pagamento. Una forma di prestito riservata ai soli lavoratori e non accessibile quindi ai pensionati.

I prestiti con delega ricalcano le condizioni applicate alla cessione del quinto, con rata decurtata alla fonte e durata massima 120 mesi. La somma massima erogabile fissata per il prestito Pitagora è sempre di 60 mila euro.

Il prestito delega si affianca alla cessione del quinto, consentendo di cedere fino al 40% della busta paga. Le due rate infatti si sommano. Per maggiori informazioni in merito all’offerta prestito Pitagora vi invitiamo a consultare la pagina ufficiale della finanziaria.