Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Offerta Prestito Inps Dipendenti Poste Italiane 2017

Stipendio e pensione sono le garanzie più richieste dalle banche nei confronti di chi vuole ottenere un finanziamento. I lavoratori di Poste Italiane dispongono di una via speciale per conseguire linee di credito. Ci stiamo riferendo al prestito Inps dipendenti Poste Italiane. Una delle proposte più interessanti per questa categoria di richiedenti. Scopriamone le opportunità.

Prestiti per dipendenti Poste Italiane 2017

Un primo elemento che caratterizza il prestito Inps dipendenti Poste Italiane è costituito proprio dall’istituto erogatore, ossia l’Inps. L’ente previdenziale presenta anche proposte d’accesso al credito per i suoi iscritti, tra cui appunto i lavoratori di Poste Italiane.

Entrando nel merito delle offerte dobbiamo chiarire subito che non è presente un solo prestito Inps dipendenti Poste Italiane. Il lavoratore ha due possibilità di finanziamento: Piccolo prestito Gestione fondo credito Poste Italiane e Prestito pluriennale della stessa Gestione.

Quale finanziamento scegliere tra questi? Dipende da quale esigenze ha il lavoratore. Iniziamo con l’analisi di pro e contro del Piccolo prestito.

Cosa offre il Piccolo prestito Poste Italiane Inps

Il Piccolo prestito Gestione Credito Poste Italiane è una proposta fondata su un rimborso su cessione del quinto. Il piano di rimborso è quindi segnato da rate il cui importo non può eccedere il limite di 1/5 dello stipendio.

La somma fornita dall’ente previdenziale è variabile e parte da una soglia iniziale di una volta lo stipendio fino a una massima di otto.

Chi può inviare la domanda di finanziamento? Sono ammesse le richieste inoltrate da parte di lavoratori in attività di Poste Italiane e società collegate. L’utente deve disporre di una anzianità di servizio di almeno due anni.

Tasso di interesse 2017

Le opzioni dal punto di vista della durata sono 12, 24, 36 o 48 mesi mentre per il tasso di interesse rileviamo un Taeg fisso del 5%. Il beneficiario può procedere con l’estinzione anticipata in qualunque momento.

Al dipendente consigliamo di considerare con molta attenzione l’incidenza del finanziamento in relazione alle proprie capacità reddituali. Per questo scopo è utile utilizzare la funzionalità di simulazione di calcolo del finanziamento implementata sul portale Inps, reperibile all’indirizzo web inps.it.

Modalità di richiesta del finanziamento

Per ricevere il prestito il dipendente dovrà anzitutto scaricare il modulo di richiesta (presente nella sezione modulistica del portale Inps) e allegarvi copia dell’ultima busta paga e del documento di identità.

Il lavoratore dovrà rivolgersi al punto amministrativo per ricevere il certificato stipendiale. In merito all’invio della richiesta l’utente dispone di due opzioni:

  • La richiesta completa può essere inoltrata per posta all’indirizzo: INPS – Direzione centrale Credito e welfare, Area Prestazioni Creditizie, viale Aldo Ballarin, 42 – 00142 Roma.
  • L’utente può preferire alla posta l’utilizzo delle funzionalità online del sito Inps, sono indispensabili le credenziali d’accesso. Se viene scelta la richiesta online, andranno inviati via fax (06 95066463) l’ultima busta paga, la dichiarazione conferimento di mandato nonché copia del documento di identità.

Quando richiedere il Prestito pluriennale Poste Italiane

Diverse sono le caratteristiche dell’altro prestito Inps dipendenti Poste Italiane ovvero il Prestito pluriennale diretto. È una linea di credito dalla durata sensibilmente più estesa rispetto al Piccolo prestito, abbiamo infatti cinque o dieci anni. Come per il Piccolo prestito però il piano di rimborso è su cessione del quinto.

Più stringenti i requisiti, il dipendente deve disporre infatti di almeno quattro anni di anzianità di servizio.

Tasso e come richiedere il prestito

Considerando i dettagli del piano di rimborso è disposto un Taeg pari al 3,50%. Pur essendo un finanziamento basato sulla cessione del quinto, la soglia massima della quota cedibile è di mille euro mensili.

Come per il Piccolo prestito è disponibile la procedura di simulazione del finanziamento.

La richieste devono risultare coerenti con le finalità contemplate dal regolamento dell’Istituto. La domanda oltre al modulo di richiesta prevede la presenza di vari documenti:

  • certificato stipendiale;
  • fotocopia dell’ultima busta paga;
  • fotocopia del documento di identità;
  • dichiarazione di copia conforme;
  • autocertificazione dello stato di famiglia;
  • certificato di buona salute;
  • documenti pertinenti la motivazione.

La domanda di questo prestito Inps dipendenti Poste Italiane andrà comunicata all’Inps al seguente indirizzo: INPS – Direzione centrale Credito e welfare – area prestazioni creditizie – via Aldo Ballarin, 42 – 00142 Roma.