Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestito Inps casa 2017: 150 mila euro a tasso agevolato. Guida al finanziamento

Prestito Inps prima casa decennale 2017: cos’è e chi può ottenerlo

Il prestito Inps casa è un finanziamento a condizioni vantaggiose dedicato a dipendenti e pensionati della pubblica amministrazione che desiderano acquistare un immobile. Si tratta di linee di credito accessibili esclusivamente a dipendenti e pensionati iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, un Fondo credito dell’Inps.

Rientrando nella categoria dei prestiti pluriennali ex Inpdap, il prestito Inps casa è accessibile esclusivamente ai dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria che possono vantare almeno quattro anni di versamento contributivo presso il Fondo.

Ai fini dell’accesso al credito è necessario anche essere in possesso di un’anzianità di servizio utile ai fini della pensione non inferiore a quattro anni. Per i dipendenti pubblici in attività di servizio è necessaria anche la presenza di un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Ma vediamo nel dettaglio quali sono le condizioni applicate al prestito Inps casa 2017.

Caratteristiche del prestito Inps acquisto prima casa: tasso, importo e spese

I prestiti pluriennali Inps ex Inpdap per acquisto casa prevedono un importo massimo finanziabile pari a 150 mila euro da rimborsare con un piano di ammortamento che si estende per 10 anni. È tuttavia necessario precisare che l’importo del finanziamento non può superare il costo complessivo dell’unità immobiliare in questione.

Le rate hanno cadenza mensile e sono decurtate direttamente dalla busta paga o dalla pensione del richiedente. La rata mensile non può eccedere la quinta parte (20%) dello stipendio o della pensione netta percepita dal richiedente.

Il tasso d’interesse (Tan) applicato è pari al 3,50%. Sull’importo lordo del finanziamento si applica anche un’aliquota per le spese di amministrazione, pari allo 0,50%, e una quota per il pagamento del premio del Fondo Rischi Inps. L’entità del premio, però, varia a seconda della durata del prestito e dell’età del richiedente.

Domanda prestito pluriennale Inps ex Inpdap prima casa: modulo e documentazione

La domanda di prestito Inps casa deve essere inoltrata per via telematizzata. Al modulo di domanda, scaricabile sul sito ufficiale Inps, vanno allegati i seguenti documenti.

  • Un’autocertificazione dello stato di famiglia del richiedente.
  • Una copia autenticata dell’atto notarile (registrato o in corso di registrazione) di compravendita relativa all’acquisto della casa per cui si richiede il finanziamento.
  • Un’autocertificazione in cui si attesta che l’unità immobiliare oggetto dell’acquisto è l’unica casa in proprietà del nucleo familiare del richiedente e che questa costituisce, o costituirà, la residenza principale del richiedente e della sua famiglia.