Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestito Inpdap prima casa: come ottenerlo?

Prestito Inpdap acquisto prima casa

Dipendenti e pensionati della pubblica amministrazione possono accedere a finanziamenti agevolati per l’acquisto di una casa da adibire a residenza. La gestione Dipendenti pubblici dell’Inps (nata in seguito alla soppressione dell’Inpdap), infatti, eroga agli iscritti linee di credito a tassi di interesse ridotti rispetto a quelli di mercato.

Tra i finanziamenti agevolati Inpdap troviamo i prestiti pluriennali, che permettono di accedere a somme rimborsabili con un piano di ammortamento quinquennale o decennale. La durata del piano di ammortamento e la somma massima erogabile sono definiti in base alla motivazione per la quale si richiede il finanziamento.

Prestito Inpdap prima casa figlio

I prestiti pluriennali sono erogati solo a fronte di effettive e documentate necessità dell’iscritto, rientranti nelle casistiche previste dal Regolamento Prestiti Inpdap. Tra le motivazioni per le quali è possibile accedere al credito troviamo l’acquisto di un’unità immobiliare destinata a diventare la residenza dell’iscritto o del figlio che desidera costituire un nucleo familiare distinto da quello dei genitori.

In questo caso l’importo massimo erogabile è di 150 mila euro, rimborsabili in 10 anni. Il tasso di interesse è del 3,50% per tutta la durata del finanziamento. Sull’importo lordo del finanziamento si applicano inoltre un’aliquota per le spese di amministrazione dello 0,5% e una per il premio fondo rischi, definita in base all’età del richiedente.

Chi può ottenere un prestito Inpdap prima casa? I prestiti pluriennali sono concessi solo ai soggetti iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali da almeno quattro anni e in possesso di un’anzianità di servizio utile alla pensione non inferiore a quattro anni. Per accedere al credito gli iscritti in servizio devono inoltre essere in possesso di un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Come richiedere un prestito Inpdap per prima casa

La domanda di finanziamento deve essere inoltrata per via telematica, attraverso il servizio online Domande web Prestiti Pluriennali, entro un anno dall’evento. Gli iscritti in servizio devono presentare le richieste tramite l’amministrazione di appartenenza, mentre i pensionati possono inviare domande esclusivamente accedendo all’Area riservata del sito Inps con il proprio Pin on line.

Chi non fosse in possesso del codice può richiederlo utilizzando la procedura online attiva sul sito dell’Istituto, oppure contattando il Contact Center Inps.

Alla domanda di prestito Inpdap prima casa è necessario allegare un’autocertificazione attestante che l’immobile oggetto dell’acquisto è l’unico in proprietà del nucleo familiare, una copia autenticata dell’atto notarile di compravendita e un autocertificazione dello stato di famiglia.

Nel caso il finanziamento sia richiesto per l’acquisto di una casa da destinare a residenza di un figlio che non è compreso nello stato di famiglia, è necessario allegare alla domanda anche un’autocertificazione attestante il rapporto di parentela con l’iscritto richiedente.

Ricordiamo infine che i moduli per la richiesta dei prestiti pluriennali sono disponibili nella sezione Modulistica del sito Inps (percorso: Home – Modulistica – Gestione Dipendenti Pubblici – Richiesta Prestazioni – Prestazioni Creditizie E Sociali)