Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Come funziona il prestito Inpdap domanda online, importo e tassi

Condizioni, tasso e domanda prestito Inpdap 2019

I prestiti Inps ex Inpdap sono finanziamenti a tasso di interesse agevolato erogati dall’Inps attraverso un apposito Fondo credito (Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali). Sono dedicati a dipendenti e pensionati del settore pubblico che si trovano ad affrontare esigenze familiari quotidiane e spese che comportano un particolare impegno. L’offerta si compone di due prodotti (piccolo prestito e prestito pluriennale) a cui corrispondono differenti condizioni di rimborso e procedure prestito Inpdap domanda.

Il piccolo prestito prevede una somma massima erogabile pari a otto mensilità di stipendio o pensione percepite dal richiedente. Il tasso di interesse (TAN) è fisso al 4,25% e le spese di amministrazione ammontano allo 0,5%. Il beneficiario deve inoltre far fronte al pagamento di un premio per il Fondo Rischi Inps, che varia a seconda della durata del piano di ammortamento e dell’età del richiedente. Il rimborso avviene in 12, 24, 36 o 48 mesi.

Per quanto attiene invece ai prestiti pluriennali, la durata può essere di 5 o 10 anni e il tasso di interesse è sempre fisso al 3,5%. Anche in questo caso è previsto il pagamento di un premio per il Fondo Rischi Inps, definito con gli stessi parametri utilizzati per i piccoli prestiti. Presenti, sempre allo 0,5%, le spese di amministrazione.

Diversa invece la questione della somma erogabile. L’importo massimo viene stabilito dall’Inps, in base alla finalità del finanziamento, come stabilito dal Regolamento Prestiti Inps. A seconda della ragione per cui si richiede il prestito cambiano durata dell’ammortamento e importo massimo erogabile.

Domanda piccolo prestito Inps ex Inpdap e prestito pluriennale

I moduli prestito Inpdap domanda possono essere scaricati dal sito ufficiale dell’ente previdenziale. A seconda che il richiedente sia dipendente o pensionato pubblico, la procedura di richiesta cambia. I dipendenti pubblici trasmettono la domanda per il tramite dell’Amministrazione di appartenenza.

I pensionati hanno a disposizione diversi canali. Possono presentare la richiesta autonomamente, utilizzando l’apposito servizio online presente sul sito inps.it, oppure sfruttando l’assistenza del Contact Center Inps (numero verde 803 164). In alternativa, è possibile rivolgersi ai patronati e agli intermediari dell’Istituto.