Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Cattivo pagatore? Scegli Prestito con delega: offerte 2017

Cos’è il prestito con delega, come funziona e quali sono i finanziamenti da non lasciarsi sfuggire? Questa linea di credito, conosciuta anche come doppio quinto, prevede una trattenuta in automatico della rata che non può eccedere il 40% dello stipendio. Si tratta di un prodotto che può essere associato alla cessione del quinto, potendo così incrementare la somma oggetto del prestito.

A dispetto di altri finanziamenti, il finanziamento con delega si realizza mediante una convenzione che va a stabilirsi tra l’ente erogatore e il datore di lavoro.

Un’importante differenza rispetto alla cessione del quinto è che il datore di lavoro ha la possibilità di declinare la domanda di finanziamento.

I requisiti del Prestito con delega

A chi è destinato il prestito con delega? È un finanziamento che può essere conseguito da parte di dipendenti statali e da buona parte dei lavoratori pubblici. Non solo. Fanno parte della platea dei beneficiari anche i dipendenti privati. Per quest’ultimi è spesso richiesto un contratto lavorativo a tempo indeterminato.

Tra i requisiti può figurare una certa anzianità di servizio o può essere necessario disporre di un solido trattamento di fine rapporto. Risultano esclusi da alcuni istituti di credito i pensionati.

Date le caratteristiche esposte, la rata del prestito con delega ha una soglia massima non assoluta ma definita in relazione al singolo stipendio.

Durata e le opportunità per cattivi pagatori 2017

La durata non può eccedere i dieci anni. E tra i vantaggi rileviamo l’opportunità di conseguire credito anche se il richiedente fa parte delle categorie di pignorati, cattivi pagatori o protestati. Ciò è possibile per le caratteristiche del rimborso che non prevede l’intervento diretto del beneficiario del prestito.

L’offerta IBL Banca

Una volta chiarite le caratteristiche principali del prestito con delega, la questione successiva è l’individuazione del prodotto più competitivo del mercato. Passiamo quindi in esame alcune delle linee di credito che offrono al momento le condizioni più appetibili.

Sono numerosi gli enti erogatori che prevedono il doppio quinto. IBL Banca propone un finanziamento delega con una durata che va da 24 a 120 mesi, rivolto anche a quanti hanno avuto disguidi di rimborso e può essere richiesto senza dover specificare la motivazione.

Il cliente può inoltre procedere con l’estinzione anticipata o rinnovare in anticipo il finanziamento. Questo risulta inoltre associato a una polizza assicurativa pertinente i rischi vita e impiego. Per ulteriori dettagli vi rimandiamo al numero verde 800 919090.

Doppio quinto Figenpa

Un’altra soluzione da prendere in esame è il Finanziamento con Delega Figenpa. Sono fruibili importi piuttosto elevati, la soglia massima è 50mila euro.

Il piano di rimborso varia da 24 a 120 mesi e il beneficiario del finanziamento può procedere al pagamento della prima rata dopo due mesi.

Come per il precedente finanziamento, la richiesta non è legata a nessuna motivazione specifica e l’unica garanzia prevista è la busta paga.

Prestito delega Prestitalia

Il Prestito delega di Prestitalia, società del Gruppo Ubi Banca, è una risorsa pensata sia per i lavoratori pubblici che privati come quelli assunti da Poste Italiane, Onlus e medici generici.

Il rimborso, come per i prodotti precedenti, si verifica in un periodo compreso tra i 24 e i 120 mesi. Come garanzie accessorie rileviamo una polizza contro il rischio vita e cessazione dal lavoro.

La somma massima accordata da Prestitalia è definita in rapporto alla rata e al fattore durata. È necessario però chiarire che nel caso di lavoratori privati l’importo è influenzato anche dal trattamento di fine rapporto.

La richiesta di finanziamento può essere inoltrata sia online, utilizzando il sito ufficiale prestitalia.it, o presso le sedi fisiche.

Se consideriamo la documentazione, il richiedente deve fornire l’ultima busta paga, documento di identità valido e codice fiscale.