Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestito Cessione del Quinto BancoPosta: Tassi e Variazioni

Prestito cessione del quinto BancoPosta, opportunità per pensionati e dipendenti pubblici. I dipendenti pubblici e i pensionati Inps nonché ex-Inpdap potrebbero scegliere l’offerta di Poste Italiane. A dispetto di altre soluzioni di credito, sono delle proposte valide anche per il settore privato. Cerchiamo di conoscere le caratteristiche essenziali di Quinto BancoPosta.

Si tratta di un prestito fondato sulla cessione del quinto. La richiesta è ammessa anche nell’eventualità in cui il soggetto coinvolto sia un protestato o un cattivo pagatore, questo perché la cessione del quinto dello stipendio o della pensione è un finanziamento che si realizza con la trattenuta immediata sulla busta paga o sulla pensione. L’entità della rata non può, in ogni caso, superare il 20% dell’importo totale.

La somma concessa dal prestito cessione del quinto BancoPosta varia a seconda dell’importo dello stipendio o della pensione. La durata di rimborso va da un minimo di 36 fino a un massimo di 120 mesi. Non vi sono spese accessorie ma c’è l’obbligo di polizza vita e perdita di impiego, di cui comunque si fa carico l’Istituto.

Facciamo un esempio concreto per comprenderne a fondo le caratteristiche fondamentali. Poniamo che un dipendente pubblico di 40 anni con 15 anni di servizio e 1.250 euro netti di stipendio. La trattenuta dello stipendio massima sarà di 250 euro, a fronte di tale cifra il dipendente pubblico consegue un importo di 18.400 euro. Il piano di rimborso sarà strutturato su 120 rate con Tan 10,63, Taeg 11,20%.