Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti veloci tra privati: come muoversi

I prestiti veloci tra privati sono sempre più diffusi, per il semplice fatto che consentono di aggirare le difficoltà di accesso al credito bancario.

Social lending: ecco come funziona

I prestiti veloci tra privati hanno iniziato il loro cammino nel mondo anglosassone. Il social lending negli ultimi anni si è diffuso anche nel nostro Paese, come dimostra la nascita di broker specializzati. Quando si parla di broker in ambito di prestiti tra privati si inquadrano siti come Smartika e Prestiamoci, che fanno da intermediari tra i prestatori che mettono a disposizione il proprio denaro e i richiedenti che vogliono accedere ai prestiti.

Prestiti tra soggetti privati: sono sicuri?

Chi cerca informazioni sui prestiti veloci tra privati si pone spesso domande in merito al livello di sicurezza. A tal proposito è utile ricordare prima di tutto che i prestatori vengono tutelati dividendo le somme che mettono a disposizione tra diversi richiedenti.

Questo significa che, per esempio, se un prestatore mette a disposizione 1.000€, questa somma non viene fornita a un unico richiedente, ma divisa in scaglioni e divisa tra più debitori, così da minimizzare i rischi derivanti dall’insolvenza.

Un’altra forma di tutela riguarda il controllo preliminare della storia creditizia in sede di richiesta del prestito (Smartika, per  esempio, non consente di richiedere prestiti in caso di storia creditizia caratterizzata da insolvenze pesanti).

Social lending informazioni: quanto si può chiedere?

Quanto si può chiedere con i prestiti veloci tra privati? La risposta a questa domanda dipende dalle regole del singolo broker online. Chiamiamo in causa un’altra volta l’esempio di Smartika e ricordiamo che questo intermediario consente di richiedere prestiti da privati compresi tra 1.000 e 15.000€ (il piano di ammortamento può andare invece dai 12 ai 48 mesi).

Il TAEG, indicatore principale della convenienza del prestito, parte da un minimo del 5,60% e il prestito può essere richiesto direttamente online dal sito ufficiale del broker.

Prestiamoci: informazioni essenziali

Prestiamoci è un altro broker online che consente di richiedere prestiti veloci tra privati. Il funzionamento non è differente da quello di Smartika, anche se è possibile parlare di alcuni aspetti distintivi, come per esempio l’autovalutazione del profilo creditizio in sede di richiesta del prestito.

L’aspirante debitore può infatti richiedere il prestito direttamente online e, prima di definire la cifra e la durata del piano di ammortamento, scegliere una lettera compresa tra A e E (si parte da profilo creditizio “Eccellente” e si arriva a un minimo che corrisponde a “Sufficiente”). Molto importante è ricordare che il broker può riassegnare la classe di merito e che questa può essere diversa da quanto specificato dal debitore.

Concludiamo ricordando che questo broker online consente di richiedere prestiti tra privati non finalizzati compresi tra 1.500 e 25.000€. Il piano di ammortamento può invece partire da una durata minima di 12 mesi e arrivare a una massima di 72.