Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Guida ai Prestiti tra privati sicuri, le piattaforme online più interessanti

La ricerca di finanziamenti trova oggi nel Web un terreno di confronto di proposte che può condurre a concrete possibilità di risparmio. Nel vasto mercato delle linee di credito ci sono molte tendenze, una delle più apprezzate è quella dei prestiti tra privati sicuri. Quali sono le piattaforme di riferimento e come avviene la procedura di selezione e richiesta?

I prestiti sicuri tra privati di Prestiamoci, ecco come funzionano

I prestiti tra privati sicuri sono una realtà che ha preso piede soprattutto durante gli ultimi anni e ha giovato della competitività garantita dalla Rete. Ci sono diverse piattaforme attendibili che consentono di ottenere finanziamenti da privati, una di queste è Prestiamoci (prestiamoci.it).

Prestiamoci è attiva dal 2008, dispone dell’autorizzazione della Banca d’Italia ed è anche sottoposta alla sua vigilanza. Si tratta di una piattaforma di social lending. Coinvolge due tipi di figure, da una parte abbiamo i prestatori e dall’altra i richiedenti che intendono ricevere un finanziamento.

Gli utenti che hanno bisogno di liquidità devono registrarsi sulla piattaforma. Ne vengono analizzate le caratteristiche e se sono in possesso dei requisiti previsti, il prestito viene immesso nel marketplace.

I prestatori, invece, forniscono del capitale che sarà scomposto in quote da 50 euro. Questo metodo assicura una diversificazione dell’investimento che porta a un contenimento dei rischi e migliore gestione dei rendimenti.

Il marketplace di Prestiamoci consente al prestatore di scegliere varie opzioni di investimento, mentre il richiedente conseguirà il finanziamento e gli sarà accreditata la somma accordata sul conto corrente.

Con cadenza mensile, il debitore andrà a corrispondere la rata attraverso addebito diretto SEPA. L’importo della rata resta il medesimo durante tutto il piano di rimborso. Il privato che mette a disposizione il denaro, sempre a livello mensile, riceve il rimborso del capitale inclusi gli interessi.

Quali sono i costi dei prestiti tra privati sicuri di Prestiamoci? Le commissioni oscillano dallo 0,50% e al 6,50%, vanno inoltre considerate le spese di addebito SEPA, pari a 1,20 euro per rata, e i costi di bollo, ossia 16 euro. Alle domande di accesso al credito approvate viene applicato un TAN del 3,90%. Sul sito è disponibile un semplice sistema di simulazione che consente, in relazione ai dati immessi, di conoscere il TAEG.

Prestiti online veloci tra privati di Smartika

Smartika è un’altra piattaforma di Social Lending che consente di ricevere prestiti tra privati sicuri. Anche in questo caso si tratta di una società autorizzata e vigilata dalla Banca d’Italia. Il funzionamento è piuttosto simile a quello di Prestiamoci, ma vediamo le specifiche tecniche.

Le richieste di prestito personale variano da 1.000 a un massimo di 15mila euro, a fronte di un piano di rimborso che va da 12 a 48 mesi. Tutte le procedure che portano a ricevere il finanziamento avvengono online.

La richiesta è ovviamente soggetta al vaglio degli esperti di Smartika che fanno sapere al cliente, nello spazio di qualche giorno, se la domanda è approvata. L’importo previsto sarà accreditato sul conto corrente.

La compilazione della domanda prevede la comunicazione di varie informazioni personali e relative al proprio profilo reddituale. Va specificata la finalità per cui è richiesta la linea di credito. Sarà appurato il passato creditizio del cliente.

Il rimborso ha scadenze mensili, con addebito diretto sul conto corrente. In qualunque momento è possibile estinguere il finanziamento, senza sostenere penali.

Scoprire, in dettaglio, tassi, costi e altri particolari di rimborso dei prestiti tra privati sicuri, è semplice: basta usare sul sito smartika.it il pratico simulatore.