Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti tra privati come fare: la guida per ottenere credito

Per accedere al credito in sicurezza è necessario considerare diversi prodotti, tra i quali sono presenti i prestiti tra privati. Informarsi su prestiti tra privati come fare è quindi molto importante.

Social lending: ecco di cosa si tratta

Entriamo nel dettaglio di prestiti tra privati come fare parlando delle caratteristiche dei prodotti in questione.

Il social lending è una formula di prestito che si basa sull’interazione tra privati, senza bisogno dell’intermediazione delle banche. Questa modalità di prestito ha cominciato a prendere piede negli Stati Uniti, per poi riscuotere successo anche nel resto del mondo, arrivando anche in Italia.

Caratteristiche del social lending: specifiche tecniche

Continuiamo a parlare di prestiti tra privati come fare inquadrando altre caratteristiche strutturali di questa formula di accesso al credito.

I prestiti tra privati, come già ricordato, non presuppongono l’intervento di un istituto di credito o di una società finanziaria.

A fare da intermediari vi sono però gli staff di broker online, portali che hanno l’obiettivo di diventare dei punti di riferimento per quanto riguarda il controllo delle richieste e l’erogazione delle somme. A tal proposito è utile ricordare che non vengono accettate richieste da parte di soggetti privi di busta paga, almeno dai due principali portali di prestiti tra privati in Italia, ossia Smartika e Prestiamoci.

Il social lending è sicuro?

Un aspetto molto importante da considerare quando si parla di prestiti tra privati come fare riguarda il livello di sicurezza del social lending, una domanda di molti utenti che si approcciano per la prima volta a questa modalità di accesso al credito.

In merito si può dire che i prestatori sono tutelati prima di tutto con una selezione dettagliata delle richieste di accesso al credito, che considera anche la presenza di eventuali pendenze finanziarie.

In secondo luogo è bene specificare che le cifre investite non vengono dirottate su un unico richiedente, ma vengono divise tra più prestiti, così da minimizzare il rischio d’insolvenza.

Come funziona Smartika: un esempio di social lending

Per capire davvero prestiti tra privati come fare è utile considerare un esempio pratico e chiamare in causa il funzionamento di Smartika.

Questo portale, tra i maggiori in Italia quando si parla di prestiti tra privati, permette di richiedere cifre comprese tra i 1.000 e i 15.000€ e di restituirle in un lasso di tempo compreso tra i 12 e i 48 mesi.

Il cliente, dopo aver inviato la richiesta di accesso al credito, può completare la procedura direttamente online, scegliendo la cifra che intende ricevere e controllando eventuali commissioni relative all’assicurazione sul prestito.

In caso d’insolvenza Smartika, esattamente come le banche e le società finanziarie, fa partire un processo che inizia con il sollecito di pagamento e culmina con l’intervento di società specializzate in recupero crediti.