Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti senza busta paga Poste Italiane: perché sceglierli

Accedere a un prestito in mancanza di una busta paga oggi è abbastanza facile. Optare per questa alternativa non significa non essere in grado di documentare la presenza di un reddito, che può essere attestata tramite la presentazione dell’ultimo CUD o del modello UNICO nel caso dei liberi professionisti. I prestiti senza busta paga Poste Italiane vengono incontro proprio a chi si trova in queste situazioni.

Prestito Special Cash PostePay: come funziona?

I prestiti senza busta paga Poste Italiane vedono come prodotto principale il prestito Special Cash PostePay. Come funziona? Iniziamo ad analizzarne le caratteristiche specificando i requisiti di accesso, che sono i seguenti:

  • Titolarità di una carta Postepay
  • Età compresa tra i 18 e i 70 anni
  • Presentazione di un documento di reddito
  • Possesso di un permesso di soggiorno in corso di validità per gli stranieri

Prestito senza busta paga Poste Italiane: altre informazioni su Special Cash PostePay

Ora che abbiamo dato queste informazioni inziali su Special Cash PostePay, il principale punto di riferimento quando si parla di prestiti senza busta paga Poste Italiane, possiamo entrare nel dettaglio del funzionamento del prodotto, che prevede l’erogazione dell’intera cifra richiesta sulla Postepay del beneficiario del prestito.

Prestiti senza busta paga di Poste Italiane: quanto si può chiedere con Special Cash PostePay?

Quanto si può chiedere con il prestito Special Cash PostePay, la principale formula di accesso al credito quando si tratta di prestiti senza busta paga Poste Italiane? In questo caso l’utente ha la possibilità di scegliere tra tre scaglioni, corrispondenti rispettivamente a 750, 1.000 e 1.500€.

A ciascuno di questi tre scaglioni corrisponde un tempo massimo di restituzione della cifra. Ecco le regole da seguire in merito:

  • Prestito da 750€: restituzione in massimo 15 mesi e TAEG del 17,83%
  • Prestito da 1.000€: restituzione in 20 mesi e TAEG del 16,29%
  • Prestito da 1.500€: restituzione in 24 mesi e TAEG del 15,34%

Special Cash PostePay: informazioni finali

Concludiamo questa breve guida dedicata ai prestiti senza busta paga Poste Italiane ricordando che il prodotto Special Cash PostePay prevede costi diversi a seconda dello scaglione di reddito scelto.

Lo schema da seguire è questo:

  • Prestito da 750€: costo totale di 83,93€ (somma della commissione fissa mensile, dell’imposta di bollo prima rata e dell’imposta di bollo una tantum)
  • Prestito da 1.000€: costo totale del prestito pari a 136,43€
  • Prestito da 1.500€: costo totale del prestito pari a 232,43€

Le modalità di rimborso del prestito Special Cash PostePay sono definite in sede di stipula del contratto di prestito e prevedono la possibilità di scegliere tra le seguenti opzioni:

  • Addebito su conto corrente
  • Addebito su conto corrente postale

Il beneficiario ha anche la facoltà di rimborsare il prestito tramite bollettino postale, ricordando sempre che, in questo caso, le spese accessorie risultano a suo carico e che non sono rimborsabili.