Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti senza busta paga con ipoteca: come funzionano e quali le condizioni

Quando non si ha una busta paga può essere oggettivamente difficoltoso accedere al credito. Nonostante questo è possibile comunque parlare dell’esistenza di prestiti senza busta paga con ipoteca, prodotti che, per via della situazione particolare, sono caratterizzate da specifiche condizioni riguardanti soprattutto il tasso d’interesse.

Prestiti ipotecari a chi non ha una busta paga: facciamo chiarezza

I prestiti senza busta paga con ipoteca esistono, ma non sono sempre facili da ottenere. Per quale motivo? Per il semplice fatto che, in mancanza di entrate mensili fisse, la banca considera la proprietà di un immobile non come una sicurezza di solvibilità, ma come una tutela accessoria.

Certo è possibile rivalersi sul bene ipotecato in caso d’insolvenza, ma la maggior parte degli istituti di credito preferisce avere a che fare con clienti capaci di garantire pagamenti puntuali grazie a entrate mensili sicure e continue.

Ciò significa che chi è alla ricerca di un prestito, non dispone di una busta paga ma è proprietario di un immobile dovrebbe prendere in considerazione l’idea di una fideiussione.

Mutui di liquidità: ecco come funzionano

Nel novero dei prestiti senza busta paga con ipoteca è possibile includere i mutui di liquidità. Che cosa sono? Prodotti riservati ai proprietari di immobili privi di ipoteca. Grazie a questi prestiti è possibile accedere a una cifra corrispondente a una percentuale del valore della casa.

Si tratta di soluzioni utili per i liberi professionisti, che hanno modo di richiedere somme massime pari al 70% del valore dell’immobile di proprietà.

Questi prodotti possono essere richiesti da chi soddisfa determinati requisiti anagrafici, che prevedono un’età massima di 75 anni al momento della fine del piano di ammortamento.

Il mutuo di liquidità può essere visto come una soluzione simile al fido bancario, solo che molto meno onerosa.

Esempi di mutuo di liquidità: vediamone assieme alcuni

Il mutuo di liquidità rappresenta una soluzione senza dubbio interessante nell’ambito dei prestiti senza busta paga con ipoteca.

Gli istituti che lo offrono sono diversi. Tra questi è possibile ricordare Unicredit, che propone il Mutuo Valore Italia Liquidità.

Grazie a questo prodotto è possibile accedere a una cifra compresa tra i 30.000 e i 250.000€.

Mutuo Valore Italia Liquidità: informazioni tecniche

Continuiamo a parlare di mutui di liquidità, soluzione valida per i prestiti senza busta paga con ipoteca, dettagliando le caratteristiche del Mutuo Valore Italia Liquidità.

Il mutuo in questione può avere una durata compresa tra i 5 e i 20 anni. Il cliente ha la possibilità di scegliere tra tasso fisso, tasso variabile e tasso misto, cambiando tipologia ogni 5, 10 o 15 anni.

Il tasso variabile è caratterizzato dal riferimento al parametro Euribor 3 mesi. Il limite dello spread applicabile al Mutuo Valore Italia Liquidità è del 3,50%.