Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti rifiutati come fare per ricevere credito: guida

Quando si progetta l’accesso al credito è necessario capire prestiti rifiutati come fare? Le risposte negative quando si richiede un prestito sono frequenti e, come vedremo tra poco, legate a diversi motivi. Scopri come ricevere credito.

Perché un prestito viene rifiutato?

Per avere le idee chiare su prestiti rifiutati come fare è necessario prima di tutto considerare i motivi per cui le richieste di accesso al credito possono ricevere risposte negative.

Uno di questi motivi riguarda la mancanza di busta paga fissa, considerata principale garanzia di solvibilità dalle realtà creditizie.

In questo caso è possibile ovviare al problema del rifiuto del prestito considerando alternative come il finanziamento cambializzato, accessibile anche a chi non ha una busta paga per motivi di inoccupazione temporanea o per via dell’esercizio di un’attività come liberi professionisti.

Tra i vantaggi del prestito cambializzato, caratterizzato da un tasso fisso per tutta la durata del piano, è possibile ricordare la velocità di erogazione in caso di accettazione della richiesta di accesso al credito.

Prestito rifiutato per iscrizione alla Crif: le soluzioni da considerare

Quando si parla di prestiti rifiutati come fare è possibile includere tra i motivi del rifiuto anche l’iscrizione alla Crif come cattivi pagatori o protestati.

In questo caso esistono diverse soluzioni. Una delle più celebri è senza dubbio la possibilità di richiedere un prestito contro cessione del quinto dello stipendio o della pensione. Questo prodotto di credito al consumo è accessibile solo ai lavoratori dipendenti e pensionati.

Il piano di ammortamento può durare fino a 120 mesi e il tasso è fisso per tutta la durata del rimborso. Importante è ricordare che il prestito contro cessione del quinto è non finalizzato, motivo per cui non è necessario presentare un giustificativo di spesa.

Richiesta di prestito con esito negativo: il caso della poca anzianità lavorativa

Discutere di prestiti rifiutati come fare vuol dire prendere in considerazione anche l’esito negativo della richiesta di accesso al credito per via di un’anzianità lavorativa contenuta.

In questo caso è possibile risolvere il problema ricorrendo a un prestito con garante.

Prestito con garante: le regole

Per capire bene prestiti rifiutati come fare è fondamentale avere le idee chiare sulle regole legate al prestito con garante.

Accedere al credito considerando questa strada significa prima di tutto prendere come riferimento una terza persona finanziariamente affidabile, possibilmente titolare di un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Molto importante è ricordare che l’intervento del garante deve essere straordinario. Non è infatti possibile pensare che possa sostituirsi in maniera continuativa al beneficiario nel rimborso delle rate del prestito. Il suo compito è d’intervenire solo in caso di difficoltà.

L’ultimo punto da specificare riguarda il fatto che le realtà creditizie tendono a prediligere come requisito la busta paga, preferendola anche a un garante affidabile.