Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti Poste Italiane interessi: cosa sapere prima di richiederne uno

Le informazioni su prestiti Poste Italiane interessi sono essenziali per chiunque voglia richiedere l’accesso al credito con le soluzioni del gruppo. L’interesse è infatti decisivo per definire la convenienza di un piano di rimborso e per capire se vale la pena o meno inviare la richiesta.

Prestito con Poste Italiane: breve guida alla richiesta ed esempi

Per richiedere un prestito con Poste Italiane bisogna prima di tutto informarsi dal sito ufficiale del gruppo. Qui è possibile trovare indicazioni relative anche a prestiti Poste Italiane interessi.

Le specifiche in merito variano a seconda del prodotto. Qualche esempio? La cessione del quinto dello stipendio – ma anche quella della pensione – è contraddistinta da un interesse fisso per tutta la durata del piano di ammortamento.

Il suddetto può arrivare fino a 120 mesi. In caso di clienti di età particolarmente avanzata che richiedono la cessione della pensione si può abbassare la durata massima a 60 mesi.

Prestito Ristrutturazione Banco Posta: facciamo una simulazione

Per vederci più chiaro in merito ai prestiti Poste Italiane interessi non resta che entrare nel dettaglio e fare una simulazione. Ipotizziamo la scelta di richiedere un prestito finalizzato alla ristrutturazione della casa.

Il gruppo Poste Italiane ha un prodotto ad hoc, ossia il Prestito BancoPosta ristrutturazione Casa. Tenendo conto di un finanziamento di 20.000€ e di un piano di ammortamento di 96 mesi, si avrebbe una rata mensile di 208,19€. Il TAN fisso e il TAEG risulterebbero pari al 7,75 e all’8,07%.

Special Cash Postepay: conviene ancora?

Quando si discute di prestiti Poste Italiane interessi capita spesso d’interrogarsi in merito alla convenienza di Special Cash Poste Pay.

Questa soluzione consente di richiedere un prestito scegliendo fra tre scaglioni pari rispettivamente a 750, 1.000 e 1.500€. La comodità in questione ha però un rovescio della medaglia, ossia dei costi abbastanza alti. Il TAEG minimo è infatti pari al 15,34%.

Per ovviare a tale problema e per riuscire comunque a richiedere cifre contenute ci si può orientare sul Mini Prestito, che permette di accedere a 1.000, 2.000 o 3.000€.

Come richiedere i prestiti Banco Posta

Dopo aver dato queste informazioni generali su prestiti Poste Italiane interessi è il momento di vedere come procedere per la richiesta.

Dopo aver individuato il prodotto più adatto alle sue esigenze sul sito ufficiale il cliente può recarsi presso qualsiasi ufficio postale sul territorio italiano. Deve presentare prima di tutto documenti d’identità e documenti di reddito.

A seconda della finalità saranno poi necessari riferimenti sulle spese da sostenere per i lavori di ristrutturazione o relativi ai conteggi estintivi di vecchi finanziamenti.

La richiesta online dei prestiti con Poste Italiane per ora non è disponibile a tutti. L’unica eccezione è quella dei titolari di conto Banco Posta, che possono avvalersi del vantaggio della firma digitale.