Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Come affrontare le spese risparmiando con i prestiti pluriennali Inpdap 2017

Prestiti finalizzati a condizioni vantaggiose

La ricerca del finanziamento che meglio si adatta alle proprie esigenze passa dalla valutazione di numerose variabili, che determinano l’effettiva convenienza della linea di credito esaminata. I prestiti pluriennali Inpdap 2017 sono caratterizzati da tassi agevolati, sostenibilità della rata e durata massima decennale. Una valida soluzione d’accesso al credito, ma come funziona? Scopriamolo insieme.

I prestiti pluriennali Inpdap 2017, noti anche come Prestiti pluriennali diretti gestione pubblica, sono finanziamenti destinati a dipendenti e pensionati pubblici afferenti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Chi può ottenerli

Permettono di conseguire liquidità purché la richiesta sia coerente con le finalità contemplate dal Regolamento Inps (in generale esigenze personali e/o di tipo familiare). Tra i requisiti rileviamo la presenza di quattro anni di anzianità di servizio e altrettanti di contributi corrisposti alla Gestione unitaria.

È preferibile che i lavoratori dispongano di un contratto a tempo indeterminato. Per chi invece ha un lavoro a tempo determinato (di almeno tre anni), la durata del contratto deve coprire quella del processo di rimborso. In questo caso però il TFR (trattamento di fine rapporto) va posto a garanzia di rimborso del finanziamento.

Tasso d’interesse e rimborso

La durata del finanziamento è di due tipi, quinquennale o decennale (60 o 120 rate mensili). Si tratta di un prodotto su cessione quinto. Ciò significa che la rata non può eccedere a un quinto (20%) dell’assegno mensile netto percepito del beneficiario del finanziamento. Una condizione che assicura la sostenibilità del processo di rimborso.

E passiamo a un aspetto chiave di ogni prestito: il tasso di interesse. È applicato un tasso di interesse nominale annuo corrispondente al 3,50%, ma a questo vanno aggiunti oneri amministrativi, pari allo 0,50%, e premio fondo rischi.

Quanti desiderano ottenere prestiti pluriennali Inpdap 2017 devono presentare la domanda di finanziamento in forma telematizzata mediante il servizio online del portale Inps (inps.it) “Domande web Prestiti Pluriennali”.

Le alternative ai prestiti pluriennali

Vi ricordiamo infine che i Prestiti pluriennali Inpdap 2017 sono solo una delle alternative fornite a dipendenti e pensionati pubblici ex Inpdap. L’Inpdap infatti non esiste più ma le sue attività creditizie sono ancora esistenti, trasferite all’Inps. È questo il nuovo punto di riferimento per i lavoratori della pubblica amministrazione.

Nell’ambito dei finanziamenti ex Inpdap Inps ricordiamo quindi il Piccolo prestito e il mutuo Inpdap Inps, un prodotto che permette l’acquisto, costruzione o ristrutturazione della prima casa.

I piccoli prestiti

I piccoli prestiti Inps ex Inpdap sono prestiti personali che consentono di accedere a piccole somme, rimborsabili con un piano di ammortamento che si estende al massimo per 48 mesi (4 anni). La somma finanziabile varia a seconda della durata del piano di ammortamento e dell’importo della pensione o dello stipendio percepito dal richiedente.

In ogni caso, il tasso d’interesse è fisso al 4,25%. Sull’importo lordo della prestazione si applicano inoltre una quota per le spese di amministrazione pari allo 0,50%. Il beneficiario deve inoltre far fronte al pagamento del premio per il Fondo Rischi dell’Inps.

I mutui

Per quanto riguarda invece i mutui ipotecari concessi dall’Inps, con il nuovo Regolamento sono state introdotte nuove finalità. Oltre ai finanziamenti finalizzati all’acquisto della casa infatti è possibile ottenere linee di credito con le quali finanziare opere di ristrutturazione oppure acquistare un box o un posto auto.

Per i mutui finalizzati all’acquisto o alla costruzione della prima casa è possibile ottenere fino a 300 mila euro mentre per le opere di ristrutturazione è previsto un limite massimo pari a 150 mila euro. quanti desiderano acquistare un posto auto o un box auto infine possono ottenere fino a 75 mila euro.

Per maggiori informazioni su queste prodotti, visita mutuoinpdap.org