Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti personali senza busta paga

Prestiti personali senza busta paga. Fino a qualche anno fa i prestiti personali senza busta paga erano un’opzione chimerica nell’ambito dell’offerta creditizia, data la mancanza di uno stipendio fisso oppure di una rendita fissa, fattori decisivi per costituire una garanzia ai rischi. Data l’attuale crisi economica, in realtà, banche e finanziarie hanno esaminato nuovi prodotti pensati su misura per le categorie di utenza più deboli, quali i lavoratori aticipi, disoccupati e studenti.

Qualora il richiedente è proprietario di un immobile, ad esempio, gli enti erogatori possono rivalersi sulla proprietà nell’eventualità di mancati pagamenti oppure sull’affitto acquisito. I prestiti personali senza busta paga consentono di avere importi contenuti, che di solito non sono in grado di superare i 5mila euro.

Se si vogliono ottenere somme ancora più importanti, è preferibile presentare un garante, che spesso coincide con un familiare del richiedente capace di rappresentare una garanzia finanziaria solida. Questo si impegna infatti a sostenere il pagamento nell’eventualità di mancato pagamento del cliente di prima istanza.

Ma quali sono le proposte più interessanti? Nel novero delle offerte più convenienti figura Special Cash Postepay di Poste Italiane. Si tratta di un prestito senza busta paga, la cui richiesta riguarda i titolari di carta Postepay e che permette di conseguire una somma variabile, da 750 a 1.500 euro. Il piano di rimborso può avvenire in in 15, 20 e 24 mesi con tassi di interesse convenienti.