Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti: l’Ue a tutela dei consumatori

Sono state introdotte le direttive UE volte alla tutela dei consumatori che hanno necessità di richiedere un prestito.

Il consiglio dell’Unione Europea ha approvato una direttiva molto severa e finalizzata a realizzare un mercato unico dei crediti ipotecari in tutta Europa, introducendo nuove regole per il marketing e pubblicità al fine di garantire la tutela dei consumatori.

È stata approvata dalla maggioranza la direttiva introdotta dall’Unione europea, che prevede inoltre delle novità per la richiesta di mutui e prestiti, direttive a cui tutti gli Stati membri devono attenersi.

Le motivazioni che hanno spinto l’Unione Europea ad adottare questa strategia è la paura per il rischio di default per tutta l’Europa, visto la richiesta di continui prestiti dati dalla grave crisi economica in cui versiamo da diversi anni ormai, direttiva che vuole regolare il mercato dei prestiti ipotecari.

L’Unione Europea ha affrontato un delicato punto sulle norme che regolano la pubblicità ingannevole e sulle clausole illegittime nei contratti che vengono stipulati dai consumatori durante la richiesta di un credito ipotecario.

Mutui e ristrutturazioni con prestiti superiori a 75 mila euro però non rientrano nelle norme comunitarie al credito al consumo, ad oggi infatti non ci sono norme che regolano questa tipologia di rapporti.

Le nuove disposizione definite dall’Unione Europea impongono al creditore di valutare la situazione creditizia del consumatore e ha l’obbligo di fornire tutte le informazioni utili al consumatore per valutare la scelta dei prestiti.

Il consiglio dell’Unione Europea è l’istituzione più alta che rappresenta tutti gli Stati membri, adotta infatti degli atti che possano incidere direttamente sulla vita dei cittadini ma che hanno allo stesso tempo effetti internazionali, la nuova direttiva sul credito ad esempio entro due anni dovrà essere recepita nella legislazione nazionale di ogni Stato.