Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Come funzionano i prestiti Inps ex Ipost per dipendenti Poste

Finanziamenti per i dipendenti di Poste Italiane

L’ente previdenziale Ipost, destinato ai dipendenti di Poste Italiane, non esiste più, essendo confluito nell’Inps. È quest’ultimo istituto a gestire gli ex finanziamenti Ipost, che adesso prendono il nome di prestiti Inps ex Ipost. Vediamone quindi le condizioni contrattuali e le modalità che ne regolano l’erogazione.

Inps fornisce linee di credito a condizioni competitive, rivolte a diverse categorie di beneficiari. Per quanto riguarda i finanziamenti riservati a dipendenti di Poste Italiane Spa e Società collegate, abbiamo due linee di credito: Piccolo prestito Gestione Fondi Poste e Prestiti pluriennali Gestione Fondi Poste.

Caratteristiche del piccolo prestito

Nel primo caso, ovvero nell’eventualità del Piccolo prestito, la durata del rimborso può essere di 12, 24, 36 o 48 mesi, mentre la somma erogata varia da un minimo di uno fino a un massimo di otto stipendi netti del beneficiario. Si tratta di un finanziamento basato sulla cessione del quinto.

Ciò significa che la rata non può eccedere la soglia di un quinto dello stipendio. Il piano di rimborso prevede una trattenuta alla fonte, è l’Inps sottrarre in modo automatico la rata dallo stipendio. Un sistema che assicura una riduzione del rischio insolvenza.

Il richiedente deve poter contare su almeno due anni di anzianità di servizio di ruolo. Per quanto riguarda invece il tasso di interesse, è applicato un Taeg pari al 5%. L’accredito della somma accordata si produce su conto corrente postale o bancario.

Come presentare la domanda

Per ottenere il prestito è necessario adottare il modulo Cred3, a questo vanno aggiunti:

  • una copia dell’ultima busta paga;
  • un certificato stipendiale fornito da Poste Italiane o dalle società collegate al Gruppo Poste Italiane;
  • una fotocopia di un documento di identità valido.

Una volta in possesso di tutta la documentazione e del modulo previsti, il richiedente dovrà inviarli via posta a Inps Coordinamento Gestione speciale di previdenza Gruppo Poste italiane spa e Asdep, Ufficio Crediti, Via Ciro il Grande, 21 – 00144 Roma. La procedura di richiesta può realizzarsi anche online, mediante al sezione Servizi Ipost del portale ufficiale Inps (inps.it).

I prestiti pluriennali

Il Prestiti pluriennali Gestione Fondi Poste è invece un finanziamento di durata quinquennale oppure decennale e può essere ottenuto solo se si dispone di almeno quattro anni di anzianità di servizio di ruolo.

Proprio come il Piccolo prestito è un prodotto basato sulla cessione del quinto. L’erogazione si realizza solo se si presenta una delle istanze contemplate dal Regolamento Cred3. Per quanto attiene ai tassi di interesse, il Taeg tocca il 3,50%.

Quanto è possibile ottenere? Il finanziamento viene concesso nei limiti della quota cedibile (un quinto) dello stipendio del richiedente, fino a un massimo di mille euro al mese. Ai fini della definizione della somma massima erogabile, l’Inps considera le mensilità stipendiali nette in base alle voci a carattere fisso e continuativo.

Procedura di richiesta

Per richiedere il prestito pluriennale è indispensabile utilizzare il modello Cred3, cui devono essere allegati:

  • certificato stipendiale fornito da Poste Italiane o dalle società collegate al Gruppo Poste Italiane;
  • copia dell’ultima busta paga;
  • fotocopia di un documento di identità valido;
  • autocertificazione dello stato di famiglia;
  • certificato di buona salute.

Anche in questo caso tutto l’incartamento deve essere inviato dovrà essere inviato per posta al seguente indirizzo: INPS – Direzione centrale Credito e welfare – area prestazioni creditizie – via Aldo Ballarin, 42 – 00142 Roma. Ricordiamo inoltre che la domanda prestiti inps ex Ipost pluriennali deve assolutamente essere presentata entro un anno dall’evento per cui si richiede il prestito, pena il rigetto della richiesta.

Simulazione del prestito

Quanti desiderano farsi un’idea più chiara dei prestiti Inps ex Ipost possono utilizzare l’apposito servizio di simulazione online. Il servizio consente di effettuare simulazioni semplicemente inserendo nell’apposito form di calcolo la retribuzione mensile del richiedente.

Il sistema proporrà quindi il finanziamento scelto (piccolo prestito o prestito pluriennale) con l’importo massimo erogabile, in base alla retribuzione indicata. Per raggiungere il servizio di simulazione prestiti inps ex Ipost è sufficiente collegarsi con il sito Inps e seguire il percorso: Home – Prestazioni e Servizi – Calcolo dimostrativo prestiti.