Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti Inps ex gestione Inpdap: fino a 150 mila euro al 3,5%

Inps gestione ex Inpdap prestiti pluriennali

La Riforma del sistema previdenziale varata dal Governo Monti ha portato alla soppressione dell’Inpdap in favore dell’Inps, che ha acquisito tutte le pratiche relative a dipendenti e pensionati della pubblica amministrazione. Prestazioni e servizi ex Inpdap sono di competenza della Gestione Dipendenti Pubblici dell’Inps, un ufficio creato appositamente per garantire la continuità di tali servizi.

Tra le prestazioni ex Inpdap ricordiamo i prestiti agevolati. Linee di credito a tassi di interesse ridotti che consentono di accedere a somme, anche nell’ordine di decine di migliaia di euro, con le quali far fronte a spese di varia natura. I prestiti Inps ex gestione Inpdap si dividono in piccoli prestiti e prestiti pluriennali.

Piccolo prestito Inps gestione ex Inpdap

I primi consentono di accedere a somme piuttosto esigue per rispondere a improvvise e urgenti necessità economiche, mentre i secondi sono finalizzati all’acquisto di un determinato bene o servizio.

Possono ottenere i piccoli prestiti Inps ex gestione Inpdap tutti i dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Il finanziamento può durare 1, 2, 3 o 4 anni e per ogni anno di ammortamento è possibile accedere una somma pari a due mensilità medie nette percepite dal richiedente.

Somma che si riduce a una mensilità per ogni anno se il richiedente ha in corso altre trattenute per cessioni del quinto dello stipendio o della pensione. Il rimborso del credito infatti avviene tramite decurtazione della rata mensile dalla busta paga o dalla pensione. Il tasso di interesse è fisso al 4,25% per tutta la durata del piano di rimborso.

Prestito pluriennale diretto Inps gestione ex Inpdap

I prestiti pluriennali invece sono concessi solo a fronte di documentate necessità personali o familiari, rientranti nelle casistiche previste dal Regolamento Prestiti Inps. La durata può essere quinquennale o decennale e l’importo finanziabile può andare da 10 mila fino a 150 mila euro, a seconda della ragione per cui si richiede il finanziamento. Il tasso di interesse è del 3,5% a prescindere dalla durata del prestito.

I prestiti pluriennali sono accessibili esclusivamente a dipendenti e pensionati iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali con almeno quattro anni di versamento contributivo al predetto fondo. Richiesti anche quattro anni di anzianità di servizio utile alla pensione.

Per i dipendenti pubblici in attività di servizio è necessaria anche la presenza di un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Tuttavia gli iscritti assunti a termine possono accedere a finanziamenti estinguibili nell’arco di vigenza del contratto, purché questo non sia inferiore ai tre anni.

Ma come richiedere i prestiti Inps ex gestione Inpdap? Sia per i piccoli prestiti che per quelli pluriennali la domanda va inviata per via telematizzata. Gli iscritti in servizio devono presentare le domande per il tramite dell’amministrazione di appartenenza, mentre i pensionati possono richiedere i prestiti autonomamente, accedendo all’Area riservata del sito inps.it.