Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti Inpdap tassi interesse e spese. Guida 2019

Offerta prestiti Inpdap tassi di interesse finanziamenti diretti e garantiti

Dipendenti e pensionati pubblici che si trovano in difficoltà economiche possono ricorrere ai prestiti Inpdap. Finanziamenti caratterizzati da tassi di interesse e condizioni di rimborso agevolate. Per valutare l’effettiva convenienza dell’offerta però è necessario analizzare la quesitone prestiti Inpdap tassi interesse.

I tassi di interesse danno infatti la misura del costo di un finanziamento. Ragione per cui il tasso rappresenta il parametro ideale per confrontare varie offerte di prestito.

Tuttavia quando si parla di tassi di interesse è necessario fare una distinzione tra Tan e Taeg. Il Tan è il valore che indica il tasso di interesse puro applicato al capitale concesso. Il Taeg invece è il tasso che indica tutti i costi applicati al finanziamento, il valore del Taeg comprende quindi sia il Tan che le varie spese accessorie che il beneficiario deve corrispondere. Entrambi i valori sono espressi in percentuale e su base annua.

Quali sono i tassi di interesse prestiti Inpdap 2019

Ora che abbiamo chiarito cosa sono Tan e Taeg passiamo alla questione prestiti Inpdap tassi interesse. A tal proposito è necessario ricordare che i prestiti Inpdap si distinguono in due categorie, piccoli prestiti e prestiti pluriennali.

Ai piccoli prestiti si applica un Tan fisso pari al 4,25% mentre per i prestiti pluriennali il Tan è fisso al 3,5%. Per quanto attiene al calcolo del Taeg la questione è più complessa.

Sia ai piccoli prestiti che a quelli pluriennali infatti si applica un’aliquota per le spese di amministrazione pari allo 0,5%. È previsto anche il pagamento di una quota per il pagamento del Fondo Rischi Inps, definita con l’applicazione di un’aliquota definita in base alla durata del finanziamento e all’età del richiedente.

Per calcolare il Taeg di un prestito Inpdap quindi è necessario tenere in considerazione anche i suddetti costi. A tal proposito ricordiamo che sul sito ufficiale dell’Inps è presente una tabella in cui sono indicate tutte le aliquote applicate per la definizione del premio Fondo Rischi. La tabella in questione si trova alla fine del Prontuario Prestiti Inps.

Tassi dei prestiti Inpdap garantiti

Quando si parla di prestiti Inpdap tassi interesse è necessario spendere qualche parola anche per i prestiti garantiti Inps ex Inpdap. Finanziamenti che sono concessi da banche e finanziarie convenzionate con l’ente previdenziale e garantiti dallo stesso.

In questo caso il Tan viene definito dall’istituto di credito che eroga il capitale. Allo stesso modo, per la definizione del Taeg è necessario tenere in considerazione le spese applicate al finanziamento dalla banca o finanziaria. Il beneficiario deve inoltre far fronte al pagamento di alcuni oneri dovuti all’Inps.

Ricordiamo infatti che ai prestiti garantiti si applica un’aliquota dello 0,5% per le spese di amministrazione. Tra le spese applicate ricordiamo anche un premio compensativo da corrispondere all’Inps per il rischio di insolvenza. Il valore del premio è definito con un’aliquota dell’1,5% per i prestiti di durata quinquennale mentre per quelli decennali l’aliquota è del 3%.

Nel caso in cui, alla data prevista per la scadenza del prestito, il richiedente abbia oltre 65 anni la misura del premio compensativo cresce. In questo caso abbiamo un’aliquota del 2% per i finanziamenti di durata quinquennale, pari al 4% per quelli decennali.