Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti Inpdap per acquisto auto: fino a 20 mila euro a tan agevolato

Prestito pluriennale Inpdap acquisto auto: cos’è e a chi si rivolge

Oltre ad occuparsi della previdenza dei propri iscritti, la Gestione ex Inpdap dell’Inps eroga linee di credito a tasso di interesse agevolato pensate per rispondere a diverse necessità di acquisto. Tra questi troviamo i prestiti Inpdap per acquisto auto, che consentono di accedere a somme fino a 20 mila euro da rimborsare a un tan del 3,5%.

I prestiti Inpdap per acquisto auto rientrano nella categoria dei prestiti pluriennali Inps ex Inpdap. Si tratta di prestiti finalizzati, ossia strettamente legati all’acquisto di un certo bene o servizio, concessi solo a fronte di documentate necessità rientranti nelle casistiche previste dal Regolamento Prestiti Inps.

Prestiti auto Inpdap: i requisiti necessari

Possono accedere ai prestiti Inpdap per acquisto auto esclusivamente i lavoratori e i pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, il fondo credito attraverso il quale l’Inps eroga i cosiddetti presiti ex Inpdap.

Ai fini dell’accesso al credito è necessario anche poter vantare almeno quattro anni di contributi presso la Gestione unitaria e non meno di quattro anni di anzianità di servizio utile alla pensione. Per i dipendenti pubblici in attività di servizio è preferibile la presenza di un contratto di lavoro a tempo indeterminato, tuttavia non si tratta di un requisito imprescindibile.

I lavoratori assunti a termine possono infatti accedere ai prestiti pluriennali, a condizione però che il contratto di lavoro non sia inferiore ai 3 anni. Rispettando questo requisito è possibile quindi accedere a prestiti pluriennali estinguibili nell’arco di vigenza del contratto.

Come ottenere un prestito Inpdap per acquisto auto

I prestiti Inpdap per acquisto auto prevedono un piano di ammortamento quinquennale con rate mensili che vengono direttamente decurtate dalla pensione o dallo stipendio del beneficiario.

La domanda di prestito deve essere redatta sull’apposito modulo, disponibile direttamente sul sito inps.it nella sezione Modulistica. La richiesta di credito deve essere corredata di un’autocertificazione attestante che l’auto per cui si richiede il prestito è l’unica in proprietà del soggetto che richiede il finanziamento.

Alla richiesta va inoltre allagato un preventivo di spesa redatto dal concessionario presso cui si desidera acquistare l’auto. Se l’iscritto risulta proprietario di un’altra macchina che verrà consegnata al concessionario al momento del nuovo acquisto, tale circostanza deve essere indicata sia nel preventivo di spesa che nella sopracitata autocertificazione.

Una volta ottenuto il consenso dell’Inps per la concessione del finanziamento, il richiedente dovrà presentare anche una copia autenticata della ricevuta di versamento che dovrà avere un importo pari ad almeno il 10% della spesa inizialmente preventivata. Ricordiamo infine che la domanda deve essere presentata entro un anno dalla data riportata nella documentazione di spesa relativa all’acquisto dell’auto.