Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Pensionato e hai bisogno di credito? Scopri i vantaggi dei prestiti Inpdap pensionati statali

Prestiti agevolati per i pensionati statali

I pensionati sono un target molto interessante per gli enti creditizi, merito di una garanzia essenziale cui possono disporre con costanza mensile, valida anche nel lungo periodo. I titolari di un assegno previdenziale possono infatti richiedere i prestiti Inpdap pensionati statali.

Una possibilità che rappresenta un grande vantaggio in un mercato del lavoro gravato da un importante livello di precarizzazione e dalla crescita del tasso di disoccupazione, in cui la pensione acquisisce un valore maggiore.

E nel novero delle linee di credito a tasso agevolato rivolte ai pensionati statali, una delle più interessanti è proprio l’offerta dell’Inpdap. Scopriamone quindi le caratteristiche.

Il piccolo prestito

I prestiti Inpdap pensionati statali Inps sono diversi e le loro caratteristiche variano in rapporto alle necessità dei richiedenti. Il finanziamento di base è il Piccolo prestito, un prodotto che prevede l’erogazione di una somma che varia da una a otto mensilità di stipendio o pensione del richiedente.

I beneficiari sono dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Uno dei vantaggi principali è costituito dal fatto che non vi sono vincoli di impiego della liquidità acquisita.

Tasso e rimborso

Il processo di rimborso si realizza in 12, 24, 36 o 48 rate, sulle quali gravano un tasso di interesse nominale annuo corrispondente al 4,25%. Sull’importo lordo della prestazione si applica anche un’aliquota per le spese di amministrazione pari allo 0,50%, nonché una quota per il premio del Fondo Rischi Inps, la cui entità dipende dai valori riportati dal Regolamento Prestiti Inps.

Caratteristiche dei prestiti pluriennali

Se le esigenze del pensionato prevedono l’impiego di una maggiore disponibilità economica, è possibile scegliere il Prestito pluriennale diretto. Un finanziamento utile a sostenere necessità personali che possano essere documentate, nel rispetto delle disposizioni del regolamento Inps.

Anche in questo caso i beneficiari sono dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Più estesi i processi di rimborso che possono essere quinquennali oppure decennali (60 o 120 rate mensili).

Il tasso

Prima di pensare di sottoscrivere questa tipologia di prestiti Inpdap pensionati statali si deve tenere presente il tasso di interesse nominale corrispondente al 3,50%. Anche in questo caso è prevista l’applicazione di spese di amministrazione, pari allo 0,50%, e premio per il Fondo Rischi Inps.

I prestiti garantiti

L’ultima opzione disponibile è il Prestito pluriennale garantito. In questo caso l’ente erogatore non coincide con l’Inps ex Inpdap, ma con banche o finanziarie convenzionate. I tassi di interesse non sono quindi determinabili a priori. Vi consigliamo quindi di farvi rilasciare un preventivo gratuito adatto al vostro profilo creditizio.

Come richiedere i finanziamenti

Sia per i piccoli prestiti che per i prestiti pluriennali la richiesta deve essere inoltrata online mediante il servizio Inps Domande web Prestiti Pluriennali (per maggiori informazioni sui servizi online Inps Inpdap vi invitiamo a visitare questo nostro precedente approfondimento).

I moduli di domanda possono essere scaricati direttamente dal sito ufficiale dell’Inps. Per farlo è sufficiente collegarsi con il portale ufficiale dell’ente e seguire il percorso: “Home – Prestazioni e Servizi – Tutti i moduli – Gestione Dipendenti Pubblici – Iscritto/Pensionato – Prestazioni creditizie e sociali”.

I documenti da presentare

Poiché rientrano nella categoria dei prestiti personali, i piccoli prestiti richiedono la presentazione di pochissimi documenti. Per i prestiti pluriennali invece insieme alla domanda deve essere inviata tutta la documentazione che possa attestare lo stato di bisogno del richiedente in relazione alla ragione per cui si richiede il prestito e un certificato medico di sana costituzione fisica.