Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Acquisto dell’abitazione agevolato con i Prestiti Inpdap dipendenti pubblici prima casa

Come trovare il miglior finanziamento per l’abitazione dei propri sogni? È un passaggio molto delicato e una scelta condotta con un approccio superficiale può avere serie ripercussioni sia sul piano economico che personale. Per i lavoratori e pensionati pubblici interessati all’acquisto dell’abitazione che non vogliono correre rischi e spuntare tassi vantaggiosi, l’offerta di riferimento è costituita dai prestiti Inpdap dipendenti pubblici prima casa. Vediamo come si compone l’offerta aggiornata al 2017.

La conclusione dell’esperienza Inpdap ha determinato l’attribuzione delle sue funzioni all’Inps. Questo istituto fornisce particolari linee di credito destinate a dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Sono i cosiddetti prestiti ex Inpdap. Nell’ambito di queste proposte troviamo finanziamenti destinati alla prima casa. Quali sono?

Vi sono due soluzioni. La prima e più classica è costituita dai mutui Inps, la seconda invece corrisponde ai Prestiti pluriennali diretti Gestione Pubblica. Sono due finanziamenti sensibilmente differenti anche se in entrambi i casi permettano l’acquisto o costruzione della prima casa.

L’acquisto casa per i dipendenti pubblici

Gli iscritti alla Gestione unitaria  che si trovano a dover richiedere un mutuo ipotecario, finalizzato all’acquisto della prima casa, possono accedere a particolari finanziamenti agevolati garantiti dall’Istituto. I mutui Inps ex Inpdap possono avere durata compresa tra i 10 e i 30 anni e l’importo massimo finanziabile è pari a 300 mila euro.

Questa fattispecie di prestiti Inpdap dipendenti pubblici prima casa, ovvero i mutui ipotecari Inps ex Inpdap, è riservata agli iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Sia che questi siano assunti con contratto a tempo indeterminato sia pensionati.

I tassi 2017 dei mutui Inps per la prima casa

Le agevolazioni previste per quanti sottoscrivono i prestiti Inpdap dipendenti pubblici prima casa comprendono condizioni particolarmente vantaggiose sia per i mutui a tasso fisso che per quelli a regime variabile.

Attualmente ai mutui ipotecari a tasso fisso viene applicato un TAN pari al 2,95% per tutta la durata del finanziamento. Per i mutui a tasso variabile invece il tasso corrisponde all’Euribor a 6 mesi, computato su 360 giorni, maggiorato di 200 punti base.

Prestiti pluriennali

I prestiti pluriennali diretti Gestione Pubblica sono la seconda proposta nell’ambito dei prestiti Inpdap dipendenti pubblici prima casa. La durata in questo caso è più ridotta, 60 o 120 rate mensili (5 o 10 anni). Il rimborso è basato sulla cessione del quinto, ovvero con rata non superiore al 20% netto di stipendio o pensione.

A godere di questa possibilità di finanziamento sono i dipendenti e i pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria. Il tasso di interesse praticato è pari al 3,50%. Vi sono tuttavia da tenere presenti diverse voci di spesa che ricadono sul beneficiario: oneri a carattere amministrativo (0,50%) e una aliquota relativa al fondo rischi.

I pluriennali diretti sono forniti per una serie di motivazioni specificate dall’Inps nel suo regolamento. Tra le finalità previste rileviamo appunto:

  • acquisto della casa destinata a residenza (somma massima 150.000 euro);
  • costruzione della casa destinata a residenza (somma massima 150.000 euro).

Per ogni imprevisto scegli il Piccolo prestito

Per esigenze differenti gli iscritti alla Gestione unitaria possono usufruire dei Piccoli prestiti Gestione Pubblica. Questi, a differenza delle altre proposte Inps già citate, permettono di far fronte a tante piccole spese correlate alla vita di tutti i giorni.

Il tasso di interesse stabilito per dall’Inps è del 4,25%. Vi sono le stesse spese dei Prestiti pluriennali, mentre il rimborso va dai 12 ai 48 mesi. Una durata ancora più contenuta dei pluriennali.

Per maggiori informazioni sulle modalità di accesso agevolato al credito offerte dall’Inps, vi invitiamo a visitare le varie sezioni che articolano il nostro portale.