Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti fino a 5000 euro: chi li offre? Le migliori proposte

I prestiti fino a 5000 euro sono opportunità molto interessante. Approfondirne le caratteristiche è importante soprattutto perché permettono anche a chi non ha una busta paga di accedere comodamente al credito.

Piccoli prestiti: ecco come funzionano

Per entrare nel vivo delle caratteristiche dei prestiti fino a 5000 euro cominciamo a parlare dei piccoli prestiti. Si tratta di prestazioni economiche che consentono di accedere a cifre anche molto basse, spesso addirittura inferiori a 3.000€.

Le realtà che li offrono sono numerose. Si parte dall’Inps, che permette agli iscritti alla Gestione Unitaria delle Prestazioni Creditizie e Sociali di richiedere un prestito minimo pari a una mensilità netta di stipendio o di pensione, e si arriva a Unicredit.

Questa realtà creditizia propone all’utenza il prodotto Credit Express Mini, un piano che consente di accedere a una cifra compresa tra i 1.000 e i 3.000€, restituendo il tutto attraverso rate che vanno da un minimo di 18 a un massimo di 36.

Prestiti con pegno: ecco come funzionano

Nell’ambito dei prestiti fino a 5000 euro è possibile far rientrare anche i prestiti su pegno. In questo caso si cita una possibilità davvero interessante per chi non ha una busta paga e può portare come garanzia di solvibilità un bene prezioso, per esempio un orologio o un gioiello.

Cosa si deve fare? Semplicemente consegnarlo, farlo valutare da un esperto e ricevere una cifra commisurata al suo valore. Si comincia poi a rimborsare il prestito e, una volta completato il processo, ci si presenta con una polizza al portatore e si riscatta il bene. Questi prestiti permettono di ricevere anche cifre inferiori a 1.000€.

Finanziamenti cambializzati: tutte le informazioni

Un capitolo importante nel panorama dei prestiti fino a 5000 euro deve essere dedicato ai finanziamenti cambializzati.

Questi prodotti, che stanno riacquistando popolarità dopo tanto tempo, permettono di accedere al credito tramite la firma di cambiali e non attraverso ricezione diretta di una somma di denaro. Le cambiali, titoli esecutivi che possono essere convertiti in somme liquide, vanno rimborsate entro una data determinata al momento di sottoscrizione del contratto.

I prestiti con cambiali sono finanziamenti non finalizzati, motivo per cui chi li richiede non ha bisogno di giustificare le spese effettuate con la cifra in questione.

Quali garanzie per i finanziamenti cambializzati?

I prestiti fino a 5000 euro vedono nei finanziamenti cambializzati un’ottima soluzione per accedere al credito. Richiederli è facile ed è bene farlo con le giuste informazioni sulle garanzie da presentare.

Tenendo fermo il fatto che non è necessaria la busta paga, ricordiamo che i lavoratori dipendenti sono tenuti a vincolare il TFR, mentre i liberi professionisti devono essere titolari da almeno due anni di una polizza vita.

Quest’ultima alternativa rappresenta una soluzione valida anche per le casalinghe che intendono richiedere un prestito cambializzato sotto i 5000 euro.