Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti dipendenti pubblici e Inpdap: BNL e Intesa Sanpaolo

Confronto fra prestiti dipendenti pubblici e Inpdap: offerta BNL vs Intesa Sanpaolo. Cerchiamo di capire quali sono i migliori prestiti dipendenti pubblici e Inpdap, formule di credito con cessione del quinto dello stipendio. Vediamo i dettagli delle proposte BNL e Intesa SanPaolo.

Prestiti dipendenti pubblici, l’offerta Intesa SanPaolo. Il prestito può essere richiesto da parte dei dipendenti di un Ente Pubblico convenzionato con la Banca e MEF. È necessario disporre di un contratto a tempo indeterminato da almeno 12 anni. L’importo erogabile va da un minimo di 4.800 a un massimo di 75.000 euro. Per quanto attiene formalmente il piano di ammortamento, il periodo minimo è di 24 mesi, quello massimo 120 mesi.

La rata mensile prevede un minimo di 100 euro e un massimo corrispondente a un quinto dello stipendio. Il tasso di interesse può essere sia variabile che fisso, variando in base a diversi parametri correlati al richiedente. L’assicurazione è obbligatoria ma a carico della banca, e il rimborso prevede la trattenuta dallo stipendio a opera del datore di lavoro.

Quali sono i documenti richiesti? È necessario disporre di un documento che attesti l’identità, , codice fiscale, ultima busta paga e per alcuni anche il Certificato Dimostrativo della Retribuzione. In alternativa potreste optare per l’offerta BNL.

La richiesta, in questo caso, interessa dipendenti pubblici, anche iscritti INPDAP, fino al compimento dei 75 anni. L’entità erogabile raggiunge fino a un massimo di 104.000 euro, mentre il piano di ammortamento va da 24 fino a 120 mesi. La rata mensile prevede un importo minimo di 50 euro e uno massimo corrispondente a un quinto dello stipendio.

Anche in questo caso il tasso di interesse può essere sia variabile che fisso, e proprio come la proposta precedente è obbligatoria l’assicurazione rischio vita, l’assicurazione perdita impiego è a carico di BNL. Il rimborso si concretizza con una trattenuta dallo stipendio da parte del datore di lavoro.