Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti con cambiali: modalità d’accesso e garanzie

Come funzionano i prestiti con cambiali? A chi sono dedicati?

I prestiti con cambiali sono una soluzione di accesso al credito tendenzialmente molto rapida, che implica la richiesta di cambiali, titolo esecutivo utile nell’eventualità di insolvenza. Per l’erogazione possono essere necessarie inoltre alcune garanzie. Scopriamone insieme tutte le principali caratteristiche.

I prestiti con cambiali sono accessibili anche ai soggetti riportati nei database Crif. Le cambiali sono infatti un documento a titolo esecutivo che permette all’ente erogatore di tornare in possesso della cifra accordata al cliente.

Le rate mensili sono costituite da cambiali che sono allo stesso tempo la modalità di pagamento e la garanzia per la banca che accorda la linea di credito. Grazie a queste l’ente creditizio può procedere, a fronte di un’insolvenza, con il pignoramento dei beni di proprietà del cliente. Date queste modalità è più facile ridurre le tempistiche di accettazione.

Certi prestiti con cambiali permettono di accedere al credito in appena 48 ore. La cambiale deve risultare sempre in regola in merito all’imposta di bollo a partire dalla sua prima emissione. In mancanza di regolarizzazione dell’imposta di bollo, l’ente erogatore non può procedere in modo diretto con interventi espropriativi dei beni in propria del soggetto che ha sottoscritto la cambiale non coperta.

L’importo delle cambiale è personalizzato a seconda della situazione finanziaria del richiedente. Il piano di rimborso varia dai 12 ai 120 mesi. Si possono avere così rate mensili più contenute a fronte periodi di rimborso più estesi.

Per procedere con la richiesta del prestito con cambiali si deve disporre di una documentazione specifica, composta, in linea di massima, da:

  • contratto di lavoro;
  • certificato di reddito per soggetti senza busta paga;
  • carta d’Identità in corso di validità;
  • codice fiscale;
  • beni che si sottopongono a garanzia con la firma sulle cambiali.

Prestiti con cambiali banche: le garanzie

Quali sono le garanzie previste? Le garanzie che possono essere associate a questa linea di credito sono diverse e variano in base al profilo del richiedente. Il primo fattore a incidere è la categoria del soggetto che inoltra la domanda. Di seguito riportiamo alcune delle principali garanzie richieste:

  • nel caso di lavoratori dipendenti sono richiesti come garanzia la busta paga e il Tfr;
  • nel caso di lavoratori autonomi con busta paga sono richieste la dichiarazione dei redditi e la polizza assicurativa rischio vita-impiego;
  • nel caso di lavoratori di lavoratori autonomi senza busta paga sono richiesti la dichiarazione dei redditi e la la polizza assicurativa rischio vita-impiego;
  • nel caso di pensionati è richiesto il certificato Inps.