Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti agevolati Inps 2014 tutte le novità del nuovo decreto

Come ogni anno diverse sono le novità che il Governo introduce con l’approvazione di emendamenti o decreti legge che possano migliorare la vita dei cittadini, purtroppo spesso però le novità apportate non fanno altro che peggiorare la già drammatica situazione, facendo cadere soprattutto i pensionati nello sconforto visto la quotidiana incertezza della cifra corrisposta mensilmente dell’importo pensionistico.

Quest’anno però le novità introdotte potrebbero agevolare soprattutto i pensionati e in dipendenti pubblici grazie ai prestiti agevolati Inps 2014.

È stato già attuato dal 1 ottobre 2013 il decreto che prevede l’istituzione del Fondo per i presti agevolati Inps 2014, fondo che preannuncia delle novità sia per i dipendenti pubblici che per i pensionati.

Il suddetto decreto rimanda ad un regolamento dettagliato del Governo per l’attuazione di fondi destinati a prestiti agevolati Inps 2014, oggetto principale del regolamento sarebbero i prestiti di importo esiguo, cifra che potrebbe essere finanziabile da 1 fino a un massimo di 4 mensilità nette dello stipendio o della pensione in caso di richiesta da parte di pensionati, il successivo rimborso del prestito potrà essere suddiviso in 12, 24, 36 e 48 rate.

I fondi destinati a prestiti agevolati Inps 2014 vengono finanziati dall’istituto nazionale di previdenza sociale in un piano definito “Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali”, fondo destinato appunto a determinate categorie ovvero dipendenti Inps, lavoratori e pensionati pubblici di altre amministrazioni.

Il regolamento introdotto prevede importanti novità come l’istituzione di una graduatoria stabilita in base al reddito per cercare di dare priorità a chi ha estrema necessità di accedere al credito per reali problemi economici, nonché l’istituzione di una graduatoria per mutui ipotecari sulla prima casa a ragno provinciale.