Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti agevolati dipendenti statali 2017: importi, tasso e domanda

Prestiti vantaggiosi per dipendenti pubblici: cosa sono e come funzionano

Con la crisi economica sono sempre di più gli italiani che si trovano a dover richiedere prestiti personali. Una situazione in cui i dipendenti statali possono vantare una posizione avvantaggiata, poiché possono beneficiare dei prestiti agevolati dipendenti statali Inps.

Si tratta di finanziamenti a condizioni agevolate erogati direttamente dall’Inps tramite la Gestione Dipendenti Pubblici, nota anche come Gestione ex Inpdap. Ma vediamo nel dettaglio quali sono le condizioni applicate ai prestiti agevolati dipendenti statali e i requisiti necessari per ottenerli.

Prestiti dipendenti pubblici ex Inpdap: caratteristiche di piccoli prestiti e prestiti pluriennali

Iniziamo con il dire che i prestiti agevolati dipendenti statali si dividono in due categorie: piccoli prestiti e prestiti pluriennali. I piccoli prestiti rientrano nella categoria dei prestiti personali e possono essere richiesti da tutti i dipendenti pubblici e statali che sono iscritti a un apposito Fondo Credito dell’Inps, la Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Trattandosi di prestiti personali, i piccoli prestiti possono essere richiesti senza addurre particolari motivazioni. Per quanto riguarda le condizioni contrattuali, il tasso d’interesse applicato è pari al 4,25% mentre la durata del prestito può andare da 1 a 4 anni.

Per quanto riguarda invece i prestiti pluriennali, a differenza dei piccoli prestiti, questi sono prestiti finalizzati e permettono di ottenere somme anche importanti. I finanziamenti sono concessi esclusivamente per far fronte ad una delle spese previste dal Regolamento Prestiti Inps.

La durata può essere quinquennale o decennale e l’importo finanziabile varia a seconda della ragione per cui si richiede il prestito. Il tasso d’interesse è fisso, a prescindere da durata e importo del prestito, al 3,5%.

Passando ai requisiti necessari per l’accesso ai prestiti agevolati dipendenti statali pluriennali, anche in questo caso è richiesta l’iscrizione alla Gestione unitaria. Ai fini dell’accesso al credito sono richiesti anche un’anzianità di servizio utile ai fini della pensione pari ad almeno quattro anni e almeno quattro anni di contributi versati presso la suddetta Gestione unitaria.

Come richiedere i prestiti dipendenti pubblici Inpdap: domanda e procedura

Ma come richiedere i prestiti agevolati dipendenti statali? Sia per i piccoli prestiti che per i prestiti pluriennali la domanda di prestito deve essere inoltrata per via telematizzata. I moduli di domanda sono disponibili in formato Pdf nella sezione Modulistica del sito ufficiale dell’Inps.

I dipendenti pubblici che desiderano richiedere un piccolo prestito o un prestito pluriennale devono rivolgersi all’Amministrazione di appartenenza. Sarà quest’ultima a fare da tramite con l’Inps.