Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Piccolo prestito Inps 2017: come ottenere prestiti a tassi agevolati

Inps piccolo prestito Inpdap, ex Enam e Poste

Oltre ad occuparsi della previdenza dei propri iscritti, l’Inps eroga anche prestiti a condizioni agevolate in favore di alcune categorie di lavoratori. Si tratta di linee di credito che prendono il nome di piccoli prestiti e sono accessibili a: dipendenti pubblici, lavoratori iscritti alla Gestione magistrale e dipendenti di Poste Italiane. Ma vediamo nel dettagli chi può ottenere un piccolo prestito Inps 2017.

Iniziamo con il piccolo prestito Inps 2017 ex Inpdap. Si tratta di un finanziamento accessibile ai dipendenti e i pensionati pubblici che sono iscritti a un particolare Fondo credito dell’Inps, la Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Piccolo prestito Inpdap 2017: condizioni e tasso d’interesse

Il piccolo prestito Inps 2017 ex Inpdap può avere una durata di 1, 2, 3 o 4 anni e prevede un piano di ammortamento con rate a cadenza mensile di importo costante. L’importo finanziabile viene definito in base alla durata del prestito, per ogni anno di durata è possibile ottenere una somma pari allo stipendio o alla pensione netta del beneficiario.

Nel caso in cui il richiedente non abbia in corso altre trattenute sullo stipendio o sulla pensione, è possibile ottenere un prestito in doppia mensilità, ossia con un importo pari a due mensilità per ciascun anno di durata. In ogni caso, a prescindere dalla durata e dall’importo finanziabile, il tasso d’interesse (Tan) applicato al piccolo prestito ex Inpdap è pari al 4,25%.

Piccoli prestiti Inps Gestione Magistrale e Gestione Fondi Poste

Ma passiamo ai piccoli prestiti Gestione Magistrale e Gestione Fondi Poste. Il piccolo prestito Gestione Magistrale è accessibile esclusivamente agli iscritti ex Enam alla in attività di servizio e a cui manchino almeno due anni dal collocamento a riposo.

L’importo del prestito non può superare due mensilità stipendiali in godimento del beneficiario, inclusi gli assegni a carattere fisso e continuativo. La somma può essere rimborsata nel corso di 24 rate mensili. Per quanto riguarda invece il tasso d’interesse (Tan) applicato al finanziamento, questo si attesta all’1,50%.

I piccoli prestiti Gestione Fondi Poste, infine, sono finanziamenti dedicati ai dipendenti di Poste Italiane Spa e Società collegate in attività di servizio. Ai fini dell’accesso al credito è richiesta anche un’anzianità di servizio di ruolo pari ad almeno 2 anni.

I prestiti Gestione Fondi Poste possono durare da 1 a 4 anni e la somma finanziabile può arrivare fino a un massimo di 8 mensilità stipendiali nette percepite dal beneficiario. Il Taeg applicato è fisso al 5%.