Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Pensione di vecchiaia anticipata personale viaggiante

Pensione di vecchiaia anticipata personale viaggiante autoferrotranvieri

Il requisito anagrafico per l’accesso alla pensione di vecchiaia anticipata per il personale viaggiante autoferrotranvieri è stato modificato. Un regolamento aveva recentemente applicato uno sconto di 5 anni all’età pensionabile, ma la nuova normativa ha sostituito i requisiti anagrafici (fissati a 60 anni per gli uomini e 55 per le donne).

Di conseguenza il requisito di età necessario per ottenere la pensione di vecchiaia anticipata personale viaggiante subirà nei prossimi anni gli stessi aumenti dei requisiti per la pensione di vecchiaia non anticipata.

Pensione di vecchiaia anticipata personale viaggiante: le modifiche alla normativa

Come è stata modificata la normativa? Il D.P.R. n. 157 del 28 ottobre 2013 prevede attraverso uno specifico regolamento, l’armonizzazione all’assicurazione generale obbligatoria dei requisiti per l’accesso al sistema pensionistico di categorie del personale iscritto all’INPS.

Il regolamento, in vigore dal 16 gennaio 2014, ha modificato tra le altre cose anche l’accesso alla pensione di vecchiaia anticipata personale viaggiante. Per quanto riguarda il personale viaggiante addetto ai pubblici servizi di trasporto è previsto un requisito anagrafico ridotto di cinque anni rispetto a quello, tempo per tempo, in vigore nel regime generale obbligatorio.

Pensione di vecchiaia anticipata personale viaggiante: requisiti anagrafici

Cosa significa in termini pratici? Proponiamo di seguito un sunto dell’età pensionabile, dal 2014 in poi, per uomini e donne rientranti nella categoria del personale viaggiante addetto ai pubblici servizi di trasporto.

Per l’accesso alla pensione di vecchiaia anticipata per le lavoratrici è necessaria:

  • dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2015, un’età anagrafica di 58 anni e 9 mesi;
  • dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2017, un’età anagrafica di 60 anni e 3 mesi
  • dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2020, un’età anagrafica di 61 anni e 3 mesi

Per i lavoratori uomini è invece prevista:

  • dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2015, un’età anagrafica di 61 anni e 3 mesi
  • dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2020, un’età anagrafica di 61 anni e 3 mesi

Ricordiamo infine che i requisiti previsti dal 2016 in poi sono soggetti a modifiche relative all’adeguamento alla speranza di vita.