Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Perché ricorrere al mutuo seconda casa e come trovare il migliore

Mutuo acquisto seconda casa 2020

Al mare, in montagna, in campagna. La seconda casa è il rifugio in cui trascorrere momenti di serenità e spensieratezza. Ma oltre che un piacere, la seconda casa è un investimento e per questo può richiedere la sottoscrizione di un finanziamento, ossia di un mutuo seconda casa.

Come per ogni investimento, perché l’acquisto della seconda casa sia vantaggioso è necessario ridurre i costi il più possibile. Per farlo va individuato il finanziamento adatto alle proprie esigenze e con le migliori condizioni possibili. Per questo abbiamo selezionato le migliori offerte di mutuo seconda casa.

Ai fini della selezione, abbiamo considerato le offerte di mutuo seconda casa considerando l’acquisto di una casa nella provincia di Bolzano con un valore di 130 mila euro. L’importo del mutuo richiesto è di 100 mila euro, da restituire in 25 anni.

Tassi di interesse e spese acquisto seconda casa con mutuo Hello Bank, BNL e BPER

Ma quali sono le migliori soluzioni di finanziamento per l’acquisto della seconda casa? Secondo Facile.it, il prodotto migliore è Hello! Home Fisso di Hello Bank!. Prevede un interesse fisso e una rata mensile da 386 euro. Il Tan si attesta all’1,20%, mentre il Taeg è pari all’1,50%. Il cliente deve inoltre far fronte alle spese di istruttoria e perizia, pari rispettivamente a 600 e 300 euro.

386 euro mensili anche per chi sottoscrive Mutuo Spensierato di BNL. È previsto un tasso finito dell’1,20% mentre il Taeg si attesta all’1,54%. Le spese iniziali da sostenere ammontano complessivamente a 1.300 euro.

Molto interessanti anche le condizioni previste per Mutuo a Tasso Fisso di BPER Banca. La rata mensile è di 389,68 euro mentre il tasso finito (Tan) è dell’1,28%. Il Taeg è pari invece all’1,60 per cento. Per quanto riguarda invece le spese iniziali, per quelle di istruttoria e perizia vanno sborsati complessivamente 853,15 euro.