Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Mutuo Inpdap prima casa

Mutuo Inpdap prima casa 2015

Ogni anno la Gestione Dipendenti Pubblici dell’Inps eroga agli iscritti mutui agevolati per l’acquisto di un’unità immobiliare da adibire a prima casa, o per la surroga di mutui prima casa sottoscritti con istituti di credito. Erogati dalla Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali (Fondo credito dell’Inps), i mutui Inpdap possono avere una durata di 10, 15, 20, 25 o 30 anni e l’importo massimo erogabile è di 300 mila euro.

I mutui Inpdap sono accessibili solo ai dipendenti, assunti con contratto a tempo indeterminato, e ai pensionati della pubblica amministrazione iscritti da almeno tre anni alla Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali.

Ai fini dell’accesso al credito è necessario che il richiedente e gli altri componenti del suo nucleo familiare non risultino proprietari di nessun altra abitazione sita nel territorio nazionale. Fanno tuttavia eccezione alcune particolari ipotesi contemplate dal Regolamento mutui Inpdap, come ad esempio il possesso di un immobile assegnato al coniuge separato.

Tasso interessi mutuo prima casa Inpdap

Il tasso di interesse può essere fisso o variabile. Se si sottoscrive un mutuo Inpdap prima casa a tasso fisso il Tan è del 3,75% per l’intera durata del rimborso, mentre se il finanziamento è a tasso variabile l’interesse è del per il primo anno di ammortamento e variabili (in base al valore dell’ Euribor a 6 mesi maggiorato di 90 punti base) dalla seconda rata semestrale.

Come richiedere il mutuo Inpdap prima casa? La domanda di finanziamento può essere inoltrata esclusivamente per via telematizzata nelle finestre temporali predisposte: dal 1 al 10 gennaio, dal 1 al 10 maggio e dal 1 al 10 settembre.

Rimborso mutui ipotecari Inpdap prima casa

Il rimborso delle rate del mutuo Inpdap prima casa avviene tramite MAV, bancari o postali, precompilati, che l’istituto invia al beneficiario. In caso di mancata ricezione di un cedolino gli iscritti in possesso di Pin on line possono visualizzare e stampare i MAV accedendo all’area riservata del portale Inps, seguendo il percorso: Home – Servizi On line – Servizi per il cittadino.

Chi non fosse in possesso del codice può richiederlo tramite la procedura online attiva sul portale (percorso: Home – PIN online – Richiedi PIN) oppure chiamando il Contact Center Inps ( attivo dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 20 e il sabato dalle 8 alle 14) al numero verde 803 164 per le chiamate da rete fissa oppure allo 06 164164 per le chiamate da cellulare.

Ricordiamo infine che gli iscritti possono richiedere il MAV non ricevuto anche tramite la Direzione Provinciale INPS Gestione Dipendenti Pubblici di competenza.