Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Condizioni del mutuo Inpdap prima casa 2019, importo finanziabile e tasso di interesse

Chi può ottenere il mutuo prima casa Inpdap

Il mutuo prima casa è tra i prodotti finanziari più richiesti dagli italiani. Ragione per cui ogni mese ci sono nuove offerte di finanziamento, spesso con tassi di interesse vantaggiosi e soluzioni agevolate dedicate ai giovani. I finanziamenti agevolati riservati ai dipendenti e pensionati pubblici invece sono quelli erogati dall’Inps, ovvero il mutuo Inpdap prima casa 2019.

I mutui Inpdap sono linee di credito a tasso di interesse agevolato erogate dall’ente previdenziale tramite la Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, Fondo Credito dell’Inps. I beneficiari sono dipendenti e pensionati pubblici afferenti alla Gestione Dipendenti Pubblici e iscritti da almeno un anno alla suddetta gestione. Per i dipendenti pubblici in attività di servizio la presenza di un contratto di lavoro a tempo indeterminato è un requisito imprescindibile.

Il richiedente non deve inoltre risultare privo di altre unità immobiliari ad uso residenziale su tutto il territorio nazionale. Requisito che si estende all’intero nucleo familiare, sebbene siano previste alcune eccezioni nel Regolamento Mutui Inpdap in vigore dal 2019.

Importo e tassi di interesse mutuo Inpdap 2019

Definiti i requisiti per l’accesso al credito, passiamo alle condizioni del mutuo Inpdap prima casa 2019. La somma finanziabile viene definita in base alla finalità del mutuo. Si va da un tetto di 75 mila euro per i finanziamenti richiesti per l’acquisto o la costruzione di un box o posto auto, fino al limite massimo di 300 mila euro per la costruzione o l’acquisto della prima casa.

Il rimborso avviene con un piano di ammortamento che si estende per 10, 15, 20, 25 o 30 anni. le rate hanno cadenza mensile e sono definite con un tasso di interesse fisso o variabile. Sottoscrivendo un mutuo a tasso fisso il richiedente si vedrà applicare un Tan definito con il metodo del Loan to Value. Di seguito la tabella contenente i valori applicati al Tan per i mutui a tasso fisso.

TAN in funzione della percentuale di intervento (LTV)
Durata (fino a)<= 50%50% – 80%> 80%
10 anni1,15%1,33%1,73%
15 anni1,51%1,69%2,20%
20 anni1,65%1,83%2,38%
25 anni1,97%2,03%2,65%
30 anni1,97%2,03%2,65%

I finanziamenti a tasso variabile invece prevedono un Tan pari all’Euribor 3 mesi maggiorato di 200 punti base. Il beneficiario deve inoltre far fronte al pagamento delle spese di amministrazione, pari allo 0,5% dell’importo lordo del finanziamento.

La domanda di mutuo Inpdap prima casa 2019 deve essere trasmessa per via telematizzata, utilizzando i servizi online del portale inps.it. Ai fini della trasmissione della richiesta è necessario essere in possesso del Pin Inps.