Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Come ottenere mutuo Inpdap per pensionati e detrarre gli interessi

Cos’è il mutuo Inpdap per pensionati? Che requisiti prevede per ottenerlo e quali sono i termini di rimborso? Si tratta di un finanziamento a tassi agevolati indicato principalmente per acquisto o costruzione della prima casa. Vediamo come funziona e quali sono le procedure per richiederlo.

Come funzionano i mutui Inps e chi può ottenerli

Il mutuo Inpdap per pensionati è rivolto ai pensionati iscritti alla Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali. È indispensabile poter contare su una anzianità di iscrizione pari ad almeno un anno.

A seconda delle caratteristiche della richiesta è definito l’importo massimo che può essere accordato. La somma più ingente è conferita in caso di acquisto o costruzione della prima casa, finalità per la quale sono previsti fino a 300 mila euro.

Il mutuo Inpdap per pensionati è una soluzione anche per chi intende eseguire interventi di manutenzione o ristrutturazione della prima casa. Nel novero delle opere ammesse troviamo inoltre interventi di adattamento, ampliamento e trasformazione. L’importo massimo, in questo caso, è pari a 150 mila euro. Somma che non può in ogni caso superare il 40% del valore dell’abitazione.

C’è una terza finalità ammessa, ovvero l’acquisto/costruzione di un box o posto auto. Una struttura che deve risultare pertinenza dell’abitazione del mutuatario. L’iscritto può ricevere fino a 75 mila euro.

I tassi di interesse

Un altro elemento non secondario da valutare è il tasso. Il mutuo Inpdap per pensionati prevede due tipologie di tasso di interesse:

  • tasso fisso corrispondente al 2,95%;
  • tasso variabile pari all’Euribor a 6 mesi maggiorato di 200 punti base.

Il mutuatario può scegliere di cambiare il tipo di tasso durante il piano di rimborso, a condizione che siano trascorsi i primi due anni. Si tratta di una possibilità che si può sfruttare per una sola volta.

Durata e rimborso del credito

Il piano di rimborso è basato su rate semestrali posticipate. Si tratta di un piano di rimborso alla francese. E per quanto attiene alla durata? Vi sono varie soluzioni: 10, 15, 20, 25 o 30 anni.

La rata va pagata attraverso Mav precompilati, che possono essere scaricati dal portale ufficiale Inps (inps.it). Per accedere all’Area riservata del portale Inps è necessario disporre del PIN, codice di identificazione personale.

Qualora il richiedente abbia 65 anni o più, la durata del finanziamento va a ridursi nel rispetto di un limite massimo corrispondente a 15 anni.

Presentazione della domanda

Qual è la procedura per ottenere il mutuo Inpdap per pensionati? La domanda va inoltrata in specifici periodi dell’anno: le prime dieci giornate di gennaio, maggio o settembre. L’invio della richiesta deve realizzarsi in forma telematizzata, utilizzando l’apposito servizio Inps.

Ricordiamo inoltre che alla domanda di mutuo, debitamente compilata in ogni parte, vanno allegate le dichiarazioni sostitutive di certificazione indicate nel relativo modulo di richiesta. A queste si aggiungono inoltre tutti i documenti da allegare a seconda del tipo di mutuo (mutuo surroga, mutuo prima casa, per ristrutturazione, ecc.)

Sul sito ufficiale dell’Inps sono presenti sia l’elenco degli allegati necessari per la domanda di mutuo (in cui sono indicate tutte le varie casistiche) che una guida alla compilazione della richiesta di finanziamento.

Come detrarre gli interessi passivi

I dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e titolari di un mutuo Inps ex Inpdap possono visualizzare e scaricare direttamente sul sito ufficiale dell’Inps la certificazione degli interessi passivi.

Si tratta di un documento fondamentale per la detrazione fiscale degli interessi passivi del mutuo. Per accedere alla certificazione online è sufficiente accedere all’elenco di tutti i servizi Inps, ed cercare (tramite il campo Testo libero) il servizio “Gestione dipendenti pubblici: servizi per Lavoratori e Pensionati”.

Una volta effettuato l’accesso al servizio, il pensionato che desidera accedere alla certificazione online degli interessi passivi devono seguire il percorso: “Per Area Tematica – Credito – Mutui Ipotecari Edilizi – Consultazione Certificazione Interessi Passivi”.

È necessario infine precisare che, come stabilito dalla normativa vigente, spetta ai beneficiari del mutui l’onere di controllare l’effettiva detraibilità delle somme indicate come interessi passivi.

Quanti desiderano ottenere maggiori informazioni in merito ai mutui Inps ex Inpdap possono rivolgersi al Contact center Inps, chiamando lo 803 164 (gratuito) da rete fissa, oppure lo 06 164 164 da cellulare.