Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Richiesta mutuo Inpdap abbassamento tasso: come presentarla e quando

Mutuo Inpdap tasso di interesse 2019

I mutui Inps ex Inpdap sono finanziamenti a tasso di interesse agevolato concessi dall’ente previdenziale in favore di dipendenti e pensionati pubblici. Sono erogati esclusivamente per le finalità ammesse dal Regolamento Mutui Inpdap e a condizione che il richiedente soddisfi diversi requisiti. E i beneficiari, in caso di bisogno, possono anche presentare una domanda mutuo Inpdap abbassamento tasso, modificando il Tan da fisso a variabile o viceversa.

Innanzitutto il richiedente deve essere iscritto alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, un particolare fondo credito dell’Inps. È necessario poi vantare un’anzianità di iscrizione alla suddetta Gestione non inferiore a un anno. Il dipendente pubblico deve anche essere assunto con contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Quando avviene la variazione del tasso di interesse mutuo Inpdap

La richiesta di mutuo Inpdap abbassamento tasso può essere trasmessa solo a condizione che vi siano determinate condizioni. Il mutuatario non deve risultare moroso, altrimenti l’accoglimento dell’istanza è subordinato alla regolarizzazione della propria posizione debitoria.

Possono presentare la domanda di variazione del tasso solo i titolari di mutui sottoscritti nell’ambito di vigenza del Regolamento Mutui Inpdap approvato con determinazione del Presidente dell’INPS il 24 luglio 2015, oppure di quello approvato il 1° agosto 2018.

Come stabilito dalle normative sopracitate, per i mutui Inps ex Inpdap è possibile modificare il tasso di interesse una sola volta nel corso del piano di ammortamento. La richiesta di variazione deve essere presentata dopo che sono trascorsi almeno due anni dal perfezionamento del contratto di finanziamento ipotecario.

L’istanza deve essere trasmessa per via telematizzata, sfruttando il servizio online accessibile tramite il sito ufficiale dell’Inps (inps.it). Per accedere all’applicazione web è necessario collegarsi con la pagina denominata “Richiedere la variazione del tasso del mutuo ipotecario edilizio” e fare click sul pulsante “Accedi al servizio” e identificarsi con le credenziali per il portale Inps (Pin Inps e codice fiscale).