Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Mutui prima casa più convenienti: le offerte da non perdere

Vuoi acquistare casa ma non sai quale mutuo sottoscrivere? Quali sono le variabili che determinano l’effettiva convenienza del finanziamento? Scopri i mutui prima casa più convenienti del mercato 2016.

Mutuo a tasso fisso o variabile?

Per definire quali sono i mutui prima casa più convenienti va compiuta una prima selezione tra le linee di credito a tasso fisso e quelle a tasso variabile. Il primo presenta il vantaggio di una rata costante durate tutto il periodo di rimborso, ma è di solito meno conveniente, quanto meno nel breve-medio periodo, del tasso variabile.

Il tasso fisso è quindi consigliato a chi può affidarsi a un’entrata costante e non intende correre rischi. Il tasso variabile è invece più conveniente, quanto meno nelle fasi iniziali di rimborso, ma è soggetto a un potenziale aumento del tasso di interesse. Si tratta per questo di una soluzione pensata per chi ha una disponibilità economica tale da poter far fronte a un rincaro della rata.

I migliori mutui casa a tasso fisso

Fatta questa premessa, possiamo valutare i mutui prima casa più convenienti. La richiesta ipotizzata è 200mila euro a fronte di un immobile che ne vale 300mila. La durata del piano di rimborso è pari a 30 anni. Ecco i prodotti a tasso fisso da non perdere:

  • Intesa Sanpaolo – Mutuo domus fisso: abbiamo una rata pari a 779,88 euro, frutto di un tasso fisso corrispondente al 2,40% (Taeg 2,55%). Sono applicate spese di istruttoria e perizia, che toccano i 920 euro.

  • Iw bank private investments – Mutuo a tasso fisso: è applicata una rata di 795,45 euro. Il tasso è del 2,55% (Taeg 2,64%), mentre sono assenti spese di perizia. L’istruttoria costa 600 euro.

  • Deutsche bank -Mutuo pratico a tasso fisso. Si tratta di un’altra proposta interessante, con una rata di 797,12 euro. In questo caso troviamo un tasso fisso pari al 2,57% (IRS 30A + 1,40%), mentre il Taeg è del 2,66%. Le spese da considerare sono: istruttoria (700 euro) e perizia (390 euro).

  • Bancadinamica – Mutuo bancadinamica. Troviamo una rata di 800,68 euro, tasso fisso 2,60% (IRS 30A + 1,45%). Il Taeg è 2,70%, ma sono molto da considerare mille euro di istruttoria e 275 euro di perizia.

I migliori mutui prima casa a tasso variabile

Per quanto riguarda il tasso variabile le migliori due proposte sono:

  • Bancadinamica – Mutuo bancadinamica: troviamo una rata di 660,04 euro, frutto di un tasso dell’1,18% (Euribor 3M + 1,45%), Taeg 1,25%. vanno considerati mille euro di istruttoria e 275 di perizia.

  • Webank – Mutuo variabile: la rata è di 664,45 euro, con un tasso variabile dell’1,23% (Euribor 3M + 1,50%), Taeg 1,25%. Assenti spese di istruttoria e perizia.