Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Mutui Barclays: guida alle soluzioni più competitive

Il panorama delle offerte relative ai mutui è davvero complesso, motivo per cui, prima di orientarsi su una soluzione, è bene esaminarne diverse, in modo da avere le idee chiare sull’effettiva convenienza del prodotto. Ciò significa considerare le proposte relative a mutui Barclays. Quali sono le offerte più interessanti? Scopriamolo insieme.

Mutuo con Barclays: cosa si può scegliere?

Quando si analizzano le opzioni di mutuo messe a disposizione da un istituto di credito è sempre possibile scegliere tra diverse tipologie di finanziamento.

Questo vale anche con i mutui Barclays, che possono essere a tasso fisso o a tasso variabile. Nell’ultimo caso è bene citare anche la presenza di una soluzione a tasso variabile a rata costante.

Cosa significa? Che il tasso, come già specificato, è variabile, ma la rata non cambia nel corso del piano di ammortamento, che può diminuire o allungarsi a seconda delle oscillazioni di valore dell’interesse.

Mutuo a tasso fisso con Barclays: ecco cosa sapere

Barclays mette chiaramente a disposizione una soluzione per chi è alla ricerca di un tasso fisso per tutta l durata del piano di rimborso. Il mutuo in questione può avere una durata massima pari a 30 anni. I mutui Barclays comprendono anche un piano noto con il nome di Mutuo Fisso 5 Rinegoziabile.

Quali sono le sue peculiarità? La principale riguarda la possibilità, alla fine di un periodo che può durare massimo 5 anni, di modificare la tipologia di tasso a seconda della convenienza. Esiste anche la possibilità di scegliere un mutuo a tasso variabile standard.

Mutuo variabile con opzione: informazioni essenziali

Il portafoglio prodotti dei mutui Barclays comprende anche il mutuo variabile con opzione. Di cosa si tratta? Di un piano che consente di passare la tasso fisso nel caso in cui le condizioni del tasso variabile dovessero risultare poco vantaggiose.

I mutui con Barclays, per quel che concerne il tasso fisso, sono calcolati sulla base del parametro IRS. Per quanto riguarda il variabile, invece, si considerano come parametri di riferimento l’Euribor debitamente indicizzato e il tasso BCE, adatto a chi cerca una soluzione meno volatile rispetto all’Euribor.

Come funziona un mutuo Barclays: altre specifiche

Da ricordare per inquadrare al meglio la situazione dei mutui Barclays è il fatto che, dal mese di agosto del 2016, tutto il retail, quindi compresa anche la gestione dei mutui, è passato CheBanca.

Come sono andate di preciso le cose per i clienti? Alcuni mutui in essere con Barclays sono stati trasferiti all’istituto di credito del gruppo Mediobanca, mentre altri sono rimasti sotto il cappello del gruppo creditizio britannico.

La scelta in questione è stata effettuata considerando le peculiarità di ciascun finanziamento e, ovviamente, il profilo creditizio del cliente. I soggetti coinvolti non hanno dovuto pagare alcun costo per il trasferimento del loro mutuo Barclays.