Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Mutui Banca Intesa: quale finanziamento scegliere e perché

L’accensione del mutuo è un momento molto importante nella vita di qualsiasi persona. Per questo motivo è necessario, prima di scegliere il piano più adatto alle proprie esigenze, prendere in esame diverse proposte. Tra le soluzioni disponibili è possibile ricordare i mutui Banca Intesa.

Intesa Sanpaolo: informazioni sulla linea Domus

Quando si parla di mutui Banca Intesa si inquadra soprattutto la linea Domus. Per avere le idee chiare sulle sue caratteristiche è necessario considerare prima di tutto che i clienti possono richiedere finanziamenti pari al 95% del valore dell’immobile.

Per i clienti under 35 c’è la possibilità di accedere a un finanziamento massimo corrispondente al 100% del valore dell’immobile oggetto dell’acquisto. Per i mutui finalizzati alla costruzione della casa, invece, il limite massimo richiedibile corrisponde all’80% dei costi complessivi necessari per edificare l’immobile.

Quanto durano i mutui di Intesa Sanpaolo?

Continuiamo a entrare nel dettaglio dei mutui Banca Intesa ricordando che i piani di ammortamento in questione possono durare fino a 30 anni. Per i clienti di età inferiore ai 35 anni è però possibile scegliere la durata massima di 40 anni.

Tra gli altri vantaggi di questi prodotti è possibile ricordare la possibilità di reperire online sul sito dell’istituto di credito molti dei documenti necessari per sostenere il finanziamento, per esempio le quietanze di pagamento.

Fondamentale è anche un cenno ai pacchetti assicurativi. Il gruppo Intesa Sanpaolo mette a disposizione diverse soluzioni facoltative, che consentono ai mutuatari di tutelarsi in caso di eventi avversi che pregiudicano la capacità di rimborsare le rate.

Tassi mutuo Banca Intesa: ecco cosa sapere

Cosa si può dire sui tassi mutui Banca Intesa? Che i clienti hanno a disposizione l’opzione del tasso fisso e quella del tasso variabile.

Ciascuna tipologia può essere ulteriormente personalizzata scegliendo per esempio il Piano Base, che per il tasso fisso consente di avere la certezza assoluta dell’ammontare delle rate fino alla fine del piano di ammortamento, e il tasso Bilanciato.

Grazie a quest’ultimo è possibile scegliere quale parte di mutuo finanziare con il tasso fisso e quale sulla base del tasso variabile.

Flessibilità mutuo Banca Intesa: le opzioni disponibili nel 2017

Un’altra informazione molto importante quando si parla di mutui Banca Intesa riguarda la flessibilità. I piani in questione possono essere modificati per migliorarne la sostenibilità.

Il mutuatario che si trova momentaneamente in difficoltà economica può richiedere la sospensione del pagamento delle rate fino a 3 volte nel corso dell’intero piano di ammortamento. Fondamentale in questo caso è aver pagato regolarmente per almeno 24 mesi.

Concludiamo con un cenno alle spese d’istruttoria, che sono comprese tra i 400 e i 900€ e che variano sulla base del loan to value. Le spese di perizia, invece, sono comprese tra i 320 e i 4.450€ e anch’esse sono calcolate sulla base del loan to value.