Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Mutui al 100 per 100 per i giovani: come ottenerli

Cosa sono e come ottenere i mutui al 100 per cento

Nati nei mercati anglosassoni e poi importati in Italia, i mutui al 100 per cento sono una particolare tipologia di finanziamento rivolta a chi desidera acquistare un’immobile ad uso abitativo destinato a diventare la propria residenza. Originariamente pensati per venire incontro alle esigenze dei giovani (che non dispongono di liquidità per versare un anticipo sul mutuo), questi finanziamenti sono piuttosto rari in Italia perché considerati rischiosi.

Ma come ottenere mutui al 100 %? Per ottenere un mutuo al 100% è necessario disporre di maggiori garanzie di quelle richieste per i tradizionali mutui prima casa, a causa dell’alta componente di rischio associata a questo tipo di finanziamento.

Banche e finanziare sono infatti portate a considerare chi richiede un mutuo per coprire l’intero prezzo della casa come un soggetto che non mostra capacità di risparmio. Un fattore che fa aumentare la probabilità che il mutuatario non sappia garantire il rimborso del credito nel corso del tempo.

Mutuo prima casa al 100%: le garanzie necessarie

In ogni caso, per accedere al finanziamento è necessario rivolgersi ad una banca che ne preveda l’erogazione. Non tutti gli istituti propongono questa tipologia di prodotto, che in alcuni casi viene concesso solo a particolari target di clientela.

È necessario considerare inoltre che per questi prodotti sono previsti spread più elevati (e di conseguenza maggiori tassi di interesse) e garanzia aggiuntive all’ipoteca immobiliare. Prima su tutte la polizza fidejussoria che la Banca d’Italia impone agli istituti di credito che erogano mutui al 100 per cento, per coprire la parte di finanziamento eccedente l’80% del valore dell’immobile oggetto di mutuo.

Mutui al 100 per l’acquisto prima casa: perché scegliere il tasso fisso

È condizione necessaria per l’accesso al credito anche essere in possesso di contratto di lavoro a tempo indeterminato o, in caso di coniugi o nuclei familiari composti da più di due soggetti maggiorenni, la presenza di due stipendi fissi in famiglia. Accendendo un mutuo al 100 per cento si rischia inoltre di incorrere in difficoltà in caso di surroga o sostituzione, poiché non tutti gli istituti sono disposti ad accollarsi un finanziamento di questo tipo.

Ricordiamo infine che i mutui al 100% hanno di solito una durata molto lunga, in virtù della quale è consigliabile scegliere un tasso fisso, al fine di mettersi al riparo da eventuali fluttuazioni dei mercati. Tra gli istituti di credito che concedono questi finanziamenti troviamo Veneto Banca, Banca popolare Etica, Banca Intesa San Paolo e la Banca Popolare di Bari.