Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Mutui agevolati per ristrutturazione edilizia: i migliori prodotti

Ristrutturare la casa può comportare una spesa considerevole, non sempre sostenibile nell’immediato. In questi casi diventano vantaggiosi i mutui agevolati per ristrutturazione edilizia.

Mutui per ristrutturazione: i piani ipotecari Inps

Quando si discute di mutui agevolati per ristrutturazione edilizia si inquadrano soprattutto i piani ipotecari Inps ex Indpap. Di cosa si tratta? Di prestazioni economiche che l’Ente mette a disposizione degli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, siano essi lavoratori o pensionati.

Nel primo caso è vincolante un contratto di lavoro a tempo indeterminato, mentre i pensionati devono avere un’anzianità d’iscrizione superiore a 1 anno.

Mutui ristrutturazione Inps

Proseguiamo nell’analisi dei mutui agevolati per ristrutturazione edilizia Inps ex Inpdap ricordando che il piano di ammortamento può durare dai 10 ai 30 anni. L’unica eccezione a questa regola riguarda gli iscritti over 65, che possono richiedere un finanziamento da rimborsare in massimo 15 anni.

Il mutuo ristrutturazione Inps – ricordiamo che le altre finalità disponibili sono l’acquisto della prima casa d’abitazione e la costruzione di un box o di un posto auto – prevede la possibilità di richiedere un finanziamento finalizzato alla ristrutturazione ordinaria o straordinaria di un immobile già esistente.

Il finanziamento massimo richiedibile è pari a 150.000€ e, in ogni caso, a una cifra mai superiore al 40% del valore dell’immobile secondo perizia.

Tassi mutui ristrutturazione Inps

Un altro punto fondamentale per capire le peculiarità dei mutui agevolati per ristrutturazione edilizia Inps ex Inpdap riguarda l’approfondimento dei tassi d’interesse. Ecco quali sono i valori disponibili:

  • Tasso fisso pari al 2,95% (il valore in questione è stato modificato lo scorso 1° luglio, in quanto prima di tale data era pari al 3,75%)
  • Tasso variabile calcolato sulla base dell’Euribor 6 mesi, maggiorato di 200 punti base e calcolato su un lasso di tempo di 360 giorni (valore modificato ufficialmente l’8 ottobre 2015, sulla base di una determinazione del Presidente Inps).

Come richiedere i mutui per ristrutturazione: i passi da compiere

Come si richiedono i mutui agevolati per ristrutturazione edilizia Inps ex Inpdap? Ecco i passi da compiere:

  • Compilazione della domanda, con la cura di allegare tutti i documenti necessari, compresa la dichiarazione sostitutiva di atto notorio.
  • Invio della domanda esclusivamente per via telematizzata dal 1° al 10 gennaio, dal 1° al 10 maggio e dal 1° al 10 settembre di ogni anno solare.

Dopo aver inviato la domanda – fondamentale è allegare tutti i documenti richiesti, pena l’esclusione della richiesta – è necessario attendere una risposta da parte dell’Ente, che esamina tutte le domande complete e le accetta sulla base della disponibilità finanziaria quadrimestrale della direzione regionale competente.

In caso di fondi non sufficienti ad accogliere tutte le richieste si procede con la redazione di una graduatoria.